Prima accetta le dimissioni del viceministro condannato per peculato Edoardo Rixi, allo scopo, rivendica, di “tutelare lui, la sua famiglia e il governo”. Poi Matteo Salvini attacca la magistratura, paragonando diversi casi giudiziari, e provoca il M5s: “Che esultino le opposizioni è comprensibile, che lo facciano gli alleati di governo…”.
“Ringrazio Edoardo su cui metto la mano sul fuoco, ovviamente io non nomino neanche mezzo sottosegretario in più, perché conto che entrambi i sottosegretari dimessi e dimissionari tornino a fare i sottosegretari, visto che conto sulla loro totale innocenza”, ha continuato Salvini, riferendosi ad Armando Siri e Edoardo Rixi. “Ricordo che un paese civile prevede che qualcuno sia colpevole a sentenza definitiva”. Eppure, sulle dimissioni di Rixi la Lega ha fatto un passo indietro, rispetto a quanto aveva dichiarato il capogruppo leghista al Senato Romeo, secondo cui Rixi sarebbe rimasto al governo anche in caso di condanna: “Retromarcia? Le parole di Romeo? L’ho fatto per tutelarlo dal massacro mediatico che aveva già avuto Armando Siri. Non volevo fosse dipinto come il ‘mostro di Firenze’ per i 15 giorni a seguire”, ha rivendicato.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Monti: “Lega e altri partiti non rappresentano i meno abbienti. Flat tax? Schiaffo in faccia alle classi subalterne”

prev
Articolo Successivo

La batosta del M5s non ne intacca il valore. Ma al suo interno ci sono personalità ben diverse

next