Fu il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in persona, con un intervento “diretto”, a bloccare la nomina di Giancarlo Longo alla guida della procura di Gela. È questa la versione di Longo, che ha lasciato la magistratura a dicembre 2018, dopo aver patteggiato una pena di 5 anni e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, in un interrogatorio reso alla procura di Messina e riportato nel decreto di perquisizione eseguito oggi, dalla procura di Perugia, nei confronti di Luca Palamara, ex segretario dell’Anm e consigliere del Csm, indagato dalla procura umbra per corruzione.

Tra le accuse mosse a Palamara c’è anche quella – in concorso con l’avvocato esterno dell’Eni Piero Amara e il suo collega Giuseppe Calafioredi “aver ricevuto 40mila euro per compiere un atto contraio ai doveri d’ufficio, ovvero agevolare e favorire il medesimo Longo nell’ambito della procedura di nomina del procuratore di Gela alla quale aveva perso parte Longo, ciò in violazione dei criteri di nomina e di selezione come individuati dalle circolari e atti correlati (…) pur non venendo in concreto Longo nominato”.

A spiegare la vicenda è lo stesso Longo nell’interrogatorio a Messina del 31 luglio 2018 riportato nel decreto di perquisizione. “Longo – si legge negli atti – riferiva di aver appreso da Calafiore che questi (Amara) sarebbe stato in grado di gestire i voti di Unicost (corrente del Csm, ndr) tramite Palamara, intimo amico di Centofanti (imprenditore indagato con Fabrizio Palamara, ndr)”. Poi Longo spiega che “Calafiore gli avrebbe riferito di aver dato unitamente ad Amara la somma di 40mila euro ‘a beneficio di Palamara’ per la sua (di Longo) nomina a procuratore di Gela, non avvenuta, a dire di Palamara, a causa di un intervento diretto del Presidente della Repubblica”. Infine Longo racconta di “aver incontrato personalmente Palamara nel novembre dicembre 2015 a Roma, in un centro sportivo, di aver parlato della sua possibile nomina a procuratore di Gela, verso la quale Palamara si dichiarava disponibile o in alternativa anche in relazione al posto di procuratore di un’altra procura, precisando che in quell’ocasione non parlarono di soldi”. Una ricostruzione tutta da dimostrare.

Ma qual era l’obiettivo di Amara? Negli atti si legge che Longo spiega “l’interesse di Amara rispetto alla nomina del procuratore di Gela in relazione ai procedimenti riguardanti Eni ivi pendenti, e in sostanza affermava che Calafiore lo aveva incoraggiato a presentare domande di trasferimento avendogli promesso specifici aiuti e possibilità di agganci al Csm”. 

Smentisce questa versione Calafiore che, interrogato dalla procura di Perugia, nega di aver mai pagato qualcuno pur ammettendo di aver aiutato “l’amico” Longo nelle sue domande di trasferimento “facilitandolo ad avere un contatto con Palamara per il tramire di Centofanti”. Longo ha lasciato la magistratura a dicembre 2018, dopo aver patteggiato una pena di 5 anni per corruzione e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per la procura di Messina era stato corrotto nella sua funzione di magistrato. Tra i metodi usati da Longo e finiti in più filoni d’indagine c’è anche il “depistaggio” realizzato con un’inchiesta farlocca a Siracusa per un falso complotto ai danni dell’amministratore delegato dell’Eni Claudio Descalzi che avrebbe avuto lo scopo di intralciare l’inchiesta della procura di Milano sulla maxi tangente in Nigeria per acquisto del giacimento Opl 245.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Procura di Roma, le accuse a Palamara: “Quand’era al Csm prese 40mila euro da Amara per favorire una nomina”

prev
Articolo Successivo

Caso Alfieri, sentito dai pm Dario Vassallo: “Pd consapevole di come si muoveva. Via il nome di mio fratello dai circoli”

next