Un cambiamento nel campo magnetico terrestre e una variante genetica ‘fatale’ sono all’origine dell’estinzione dei Neanderthal: è quanto si ipotizza in una ricerca che parla italiano e che riscrive la fine di questi uomini vissuti in Europa tra 200.000 e 40.000 anni fa. Pubblicata sulla rivista Reviews of Geophysics, la ricerca si deve a Luigi Vigliotti, dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar) di Bologna, e Jim Channell, dell’università della Florida a Gainesville. Uno dei grandi misteri della preistoria è l’estinzione dei Neanderthal. Finora sono state avanzate molte ipotesi, come la presunta ‘inferiorità tecnologica’ di questi uomini rispetto ai Sapiens, ma tutte sono molto dibattute. 

“Da esperto di paleomagnetismo, che studia il campo magnetico antico, avevo notato che l’estinzione dei Neanderthal, avvenuta 40mila anni fa, coincide con un periodo nel quale il campo magnetico terrestre ha subito un crollo” ha detto all’Ansa Vigliotti. Così si è chiesto: “c’è una relazione tra i due eventi? o è un caso?”.  Per scoprirlo il ricercatore ha analizzato con il collega americano oltre 200 articoli scientifici, di medicina, biologia e genetica, arrivando alla conclusione che c’è davvero un collegamento. Questo perché il campo magnetico funziona come schermo di protezione contro i raggi ultravioletti (Uv) provenienti dal cosmo e, a causa del suo indebolimento, circa 40mila anni fa ci fu un aumento dei raggi Uv che furono fatali ai Neanderthal. Questi uomini infatti possedevano una variante del gene chiamato AhR che era molto sensibile a queste radiazioni. In pratica, ha concluso Vigliotti, “i raggi Uv colpivano il recettore, generando una reazione che ha scatenato uno stress ossidativo nell’organismo dei Neanderthal”. I Sapiens invece possedevano una variante diversa di questo gene che li ha protetti dai danni dei raggi Uv.  

Lo studio su Reviews of Geophysics

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Burnout, per l’Oms lo stress da lavoro è una sindrome. E si può diagnosticare

prev
Articolo Successivo

Ufo, New York Times: “I piloti della marina raccontano di oggetti volanti inspiegabili”

next