Fu solo la mafia ad organizzare le stragi mafiose del 1992 che uccisero i giudici Falcone e Borsellino? Secondo Nino Di Matteo (intervistato da Andrea Purgatori su La7, nella trasmissione Atlantide), Sostituto Procuratore della Dna, l’uomo più scortato d’Italia, impegnato da 27 anni con le indagini sulle stragi di mafia, sui rapporti tra cosa nostra e parti delle istituzioni, e PM nel processo sulla trattativa Stato – mafia, c’è un latitante come Messina Denaro che sa molte cose ed è in grado di ricattare lo Stato. Per questo, secondo Di Matteo, il boss andrebbe preso il prima possibile: la sua latitanza, così come quella di Provenzano e altri capi mafiosi, è protetta da qualcuno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“La mafia non è più quella di una volta”, il nuovo grottesco sguardo di Franco Maresco sulla Sicilia di oggi

prev
Articolo Successivo

Estorsione con metodo mafioso, clan Sinisi – Francavilla: otto arresti a Foggia

next