Gli iscritti del Movimento 5 stelle hanno deciso di destinare 2 milioni di euro ricavati dal taglio degli stipendi dei parlamentari M5s al Fondo per la povertà educativa infantile. Il progetto ha vinto con il 48,43% delle preferenze (8735 voti). Subito dietro è arrivato il Fondo per il diritto al lavoro dei disabili (29,51% dei consensi e 5323 voti), terzo il Fondo contro la violenza sulle donne (22,04 per cento delle preferenze e 3976 voti).

I parlamentari M5s e i consiglieri regionali, come da regolamento interno, si tagliano metà dello stipendio e una cifra forfettaria dalla diaria. Le restituzioni fino alla scorsa legislatura erano destinate al Fondo per la piccola e media impresa. Da questa legislatura si è deciso di chiedere agli iscritti a chi destinare i soldi ed è stato istituito un comitato per i rimborsi. In totale hanno votato 18mila e 34 iscritti alla piattaforma Rousseau, lo strumento usato dai 5 stelle per la partecipazione in rete.

“Anche oggi”, si legge sul Blog delle Stelle, “abbiamo dato prova di un grande esercizio di partecipazione. Sono i secondi 2 milioni di euro che i parlamentari restituiscono dall’inizio della XVIIIesima legislatura. Un traguardo importante soprattutto per le persone che li riceveranno attraverso le istituzioni a cui li abbiamo destinati con la votazione di oggi. Erano tre le opzioni tra cui scegliere, tutte di profilo sociale, con lo scopo di offrire un aiuto concreto a chi vive situazioni difficili, per proteggere le donne vittime di violenza e i minori, ma anche per garantire maggiori possibilità di impiego ai disabili”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Bersani: “Se cade, no al voto. Sinistra discuta con il M5s”. Di Maio: “Parte Lega ha nostalgia di Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Sblocca cantieri, la senatrice M5s Nugnes fuori dalla commissione: “Esclusa dopo le mie critiche, democrazia a rischio”

next