Il Parlamento europeo ha avviato un’indagine per irregolarità finanziarie nei confronti dell’europarlamentare britannico del Brexit PartyNigel Farage. L’inchiesta, secondo quanto sostengono fonti a Bruxelles vicine al dossier, è partita in seguito alle rivelazioni di alcuni media del Regno Unito che parlavano di doni non dichiarati ricevuti da Farage da parte di Arron Banks, un controverso miliardario che ha finanziato la campagna dei Leave sulla Brexit e il cui nome è uscito anche nelle inchieste sui Panama Papers, per almeno 450mila sterline. Doni successivi all’anno del referendum sulla Brexit del 2016.

Secondo il codice di condotta del Parlamento Ue, i deputati sono tenuti a dichiarare se ricevono fondi per le spese di viaggio, alloggio o soggiorno da fonti esterne per partecipare a eventi. La dichiarazione dovrebbe rivelare il nome e l’indirizzo del finanziatore, i dettagli sulle spese e il tipo di evento. Ma questo non è avvenuto, secondo le fonti, nel caso dei regali di Banks a Farage.

Il miliardario è stato uno dei finanziatori della campagna per il Leave ed è attualmente indagato per illeciti, secondo quanto dichiarato dall’europarlamentare britannica dell’Alde, Catherine Bearder, nella sua richiesta di aprire un’indagine su Farage avanzata ai servizi dell’Eurocamera. Nella lettera, Bearder scrive di essere venuta a conoscenza dell’inchiesta di Channel 4 News che svelava dei doni non dichiarati e chiedeva con urgenza di fare luce sulle “apparenti violazioni” di Farage delle regole dell’Europarlamento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, Theresa May annuncia un “nuovo accordo”. All’interno sarà inserita anche clausola per indire secondo referendum

prev
Articolo Successivo

Siria, Stati Uniti: “Il regime di Assad ha usato di nuovo armi chimiche. Siamo pronti a rispondere in modo rapido”

next