“Il 26 maggio decidi tu se continuare ad avere un’amministrazione che strizza l’occhio ai centri sociali o se avere finalmente un’amministrazione all’insegna della legalità e della sicurezza a Reggio Emilia“. È il messaggio elettorale di Giorgia Manghi, candidata di Fratelli d’Italia al Consiglio comunale di Reggio Emilia alle elezioni amministrative del 26 maggio.

La giovane militante del partito di Giorgia Meloni ha accompagnato il suo auto-spot con un video pubblicato sul proprio profilo Facebook. Il filmato la mostra mentre passeggia per il Parco del Popolo e si lamenta dell’amministrazione attuale reggiana. Poi si ferma e dice: “In questi giorni di pioggia mi sono sporcata una scarpa”. Sfodera dalla borsa una t-shirt nera recante il logo di Antifa (Antifaschistische Aktion) e finge di pulirsi la scarpa. Poi commenta: “Perfetto. A qualcosa è stato utile“. E getta la maglietta in un bidone della spazzatura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Marini, Zingaretti: “Grave errore politico, sono deluso e arrabbiato”. Ma non annuncia provvedimenti

next
Articolo Successivo

Amministrative Bergamo, sfida Gori-Lega: il centrosinistra nasconde il Pd. A destra Stucchi è il candidato che Salvini non ama

next