Su Instagram fa una smorfietta da adolescente arrabbiata, poi due ore dopo sul red carpet del Festival di Cannes mostra fascino ed eleganza come le più grandi dive del cinema. Selena Gomez è tornata dopo il trapianto di un rene. E sembra in gran forma. Abito due pezzi Louis Vuitton con spacco vertiginoso, prezioso e luminoso collier di diamanti, rossetto rosso e capelli raccolti, la 26enne ex stella del mondo Disney, ha sfilato in mezzo alla crew del film di Jim Jarmusch, The dead don’t die, tra Bill Murray e Adam Driver.

Nel film interpreta una hipster in fuga dagli zombie, mentre nella vita di tutti i giorni sembra essersi messa alla spalle il terribile momento della malattia e dell’intervento. Oltre 150milioni di follower sui social, l’oramai lontano ricordo dell’ex Justin Bieber, la Gomez è tornata ad interpretare piccole parti al cinema, ha ricominciato a mostrarsi in diversi video musicali di colleghi musicisti e ha lanciato recentemente una linea di costumi bagno interi e bikini dai colori accesi con lo scopo di coprire con garbo e gusto le parti del corpo con le cicatrici dovute al trapianto di rene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cannes 2019, “Alain Delon non deve ricevere la Palma d’Oro: è razzista, omofobo e misogino”

prev
Articolo Successivo

Cannes, Jarmusch in Zombieland? No, grazie. Inconclusa e sfilacciata la sceneggiatura di The Dead Don’t Die

next