Provoca Matteo Salvini e la Lega, pur augurandosi che il governo duri ancora dopo le Europee per altri quattro anni. Ad attaccare il Carroccio è di nuovo Alessandro Di Battista, a margine della presentazione del libro “L’arma segreta della Francia in Africa” alla Città dell’altra economia. E ancora: “Il giorno della boutade sulle droghe Salvini sembra che se ne sia fatta una di canna vera. È un po’ nervosetto, perde consensi. Cerca argomenti per distrarre dal caso Siri. La Lega ha abbozzato e ci è rimasta male, ma ‘a chi tocca non si ingrugna’ come si dice a Roma”. Ma Di Battista rilancia pure sul conflitto di interessi, attaccando pure il Pd: “Per la Lega non è priorità? È nel contratto di governo. Di Maio non ha chiesto aiuto, le leggi le approva tutto il parlamento. Il Pd ha parlato per anni di conflitto d’interessi. Io ero un elettore del PD e non mi fido più del Pd“, ha aggiunto. E sul rischio che la Lega faccia cadere l’esecutivo dopo le Europee ha concluso: “Se Salvini torna da Berlusconi? Auguri, chi è causa del suo mal, pianga se stesso”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Voto di scambio è legge, Forza Italia e Pd hanno votato contro. Il vicepremier Di Maio: “Questa norma era un dovere”

prev
Articolo Successivo

Di Battista: “Rimosso striscione anti-Salvini? Stupidaggine. Tutti hanno diritto di parlare, anche i terrapiattisti”

next