Nella conferenza stampa di presentazione del progetto di legge per togliere ai governatori regionali poteri di nomina dei direttori sanitari, Luigi Di Maio critica a campo aperto l’alleato di governo Matteo Salvini. “Siamo in piena emergenza corruzione e visto che nel ‘contratto di governo’ c’è l’Autonomia ma anche l’azione per togliere dalle mani della politica regionale le nomine della sanità, facciamo tutte e due le cose ma con ordine. Prima creiamo i sistemi di controllo e garanzia affinché non si possa nominare la qualunque e poi facciamo le Autonomie. afferma Di Maio che poi sul provvedimento caro alla Lega afferma: “Sulle Autonomie io sono pronto da un mese ed io sto chiedendo un vertice di governo, solo che dopo il caso Siri il capo politico della Lega Matteo Salvini l’ha presa sul personale e non si fanno più i vertici di governo”. Nonostante questo il vicepresidente del Consiglio pentastellato non crede che la Lega si prepari a strappare l’alleanza dopo le elezioni europee, perché “questo è l’unico governo possibile – afferma Di Maio – non credo nella malafede delle Lega che voglia far cadere il governo e spero che si possa nutrire la stessa fiducia in noi da parte loro. Io sono fiducioso che dopo il 26 maggio le cose si tranquillizzeranno e torneremo a portare avanti gli obiettivi del contratto”.

Il capo politico M5s afferma che “il governo durerà altri quattro anni e la legislatura terminerà solo quando ci saranno nuove elezioni politiche – ma sottolinea – il Movimento sarà sempre argine a derive di ultradestra e ad inciuci tra Pd e Forza Italia”. Di Maio poi critica il ‘Decreto sicurezza bis‘ che non parla di rimpatri e replica a Salvini sull’aumento dei morti sul lavoro: “Lasciamo fuori i morti dalla campagna elettorale. Io sto lavorando per rafforzare l’Ispettorato del lavoro e come sa il Ministro dell’Interno che per assumere personale, come lui ha bisogno di mesi, anch’io ho bisogno di mesi”. Di Maio chiude affermando che alle prossime elezioni europee: “il Movimento stupirà” e sugli alleati di Governo assicura “quando si deve lavorare sulle cose concrete con la lega lavoriamo benissimo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Non basta essere razzisti, antisemiti o discriminatori per essere considerati fascisti

next