La Svezia ha deciso di riaprire le indagini su Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, accusato di stupro e molestie sessuali nei confronti di una donna. L’indagine era stata interrotta nel 2017, data l’impossibilità di ascoltare Assange, allora rifugiato nell’ambasciata dell‘Ecuador a Londra. La situazione è cambiata a inizio aprile, quando l’uomo è stato espulso dall’ambasciata ecuadoregna con l’accusa di aver “provato a creare un centro di spionaggio dentro l’ambasciata”. Appena revocato l’asilo politico, Assange è stato arrestato dalle autorità britanniche e successivamente condannato a 50 settimane di reclusione per una violazione dei termini della libertà provvisoria risalente al 2012. Visto il cambiamento di circostanze, la viceprocuratrice svedese Eva-Marie Persson ha annunciato oggi di poter riaprire le indagini e approfondire il caso.

La questione adesso rischia di passare sul piano diplomatico. La Svezia infatti potrebbe entrare in competizione con gli Stati Uniti per ottenere l’estradizione di Assange. L’uomo infatti è accusato dalle corti americane di avere pubblicato, nel 2010, materiale militare e diplomatico secretato. In particolare, attraverso la piattaforma internet Wikileaks, avrebbe diffuso diversi documenti imbarazzanti per il Pentagono e altre situazioni americane, inclusi alcuni rapporti che sostengono sospetti crimini di guerra commessi dalle truppe statunitensi in Iraq e in Afghanistan. Gli Usa lo accusano anche di complicità in pirateria informatica con la talpa Chelsea Manning, ex militare statunitense condannata, e poi graziata, per aver rubato decine di migliaia documenti militari riservati, di cui alcuni top secret.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, la denuncia di Sea Watch: “Naufraghi scappano a nuoto da Guardia costiera libica. Ecco le immagini”

next
Articolo Successivo

Israele, La Stampa: “Pronto piano di pace con Palestina firmato Usa”. 30 miliardi per infrastrutture in cambio delle colonie

next