La Svezia ha deciso di riaprire le indagini su Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, accusato di stupro e molestie sessuali nei confronti di una donna. L’indagine era stata interrotta nel 2017, data l’impossibilità di ascoltare Assange, allora rifugiato nell’ambasciata dell‘Ecuador a Londra. La situazione è cambiata a inizio aprile, quando l’uomo è stato espulso dall’ambasciata ecuadoregna con l’accusa di aver “provato a creare un centro di spionaggio dentro l’ambasciata”. Appena revocato l’asilo politico, Assange è stato arrestato dalle autorità britanniche e successivamente condannato a 50 settimane di reclusione per una violazione dei termini della libertà provvisoria risalente al 2012. Visto il cambiamento di circostanze, la viceprocuratrice svedese Eva-Marie Persson ha annunciato oggi di poter riaprire le indagini e approfondire il caso.

La questione adesso rischia di passare sul piano diplomatico. La Svezia infatti potrebbe entrare in competizione con gli Stati Uniti per ottenere l’estradizione di Assange. L’uomo infatti è accusato dalle corti americane di avere pubblicato, nel 2010, materiale militare e diplomatico secretato. In particolare, attraverso la piattaforma internet Wikileaks, avrebbe diffuso diversi documenti imbarazzanti per il Pentagono e altre situazioni americane, inclusi alcuni rapporti che sostengono sospetti crimini di guerra commessi dalle truppe statunitensi in Iraq e in Afghanistan. Gli Usa lo accusano anche di complicità in pirateria informatica con la talpa Chelsea Manning, ex militare statunitense condannata, e poi graziata, per aver rubato decine di migliaia documenti militari riservati, di cui alcuni top secret.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, la denuncia di Sea Watch: “Naufraghi scappano a nuoto da Guardia costiera libica. Ecco le immagini”

prev
Articolo Successivo

Israele, La Stampa: “Pronto piano di pace con Palestina firmato Usa”. 30 miliardi per infrastrutture in cambio delle colonie

next