Pietro Tatarella si dice “innocente” ma lascia il suo posto in Consiglio comunale a Milano. “Le contestazioni che mi sono state mosse sono infondate, ma ho deciso di dimettermi”, sono le sue parole, affidate al legale, l’avvocato Luigi Giuliano. L’ex vice coordinatore regionale di Forza Italia (sospeso ieri) e candidato alle Europee arrestato nella maxi inchiesta della Dda milanese con al centro tangenti, appalti pilotati e finanziamenti illeciti in Lombardia, è detenuto nel carcere di Opera dove nell’interrogatorio davanti al gip ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere per potere analizzare, come ha chiarito il legale, tutti gli atti. Come lui, anche tutti gli altri indagati finora interrogati non hanno risposte alla domande del giudice per le indagini preliminari di Milano, Raffaella Mascarino.

Ha scelto il silenzio anche Gioacchino Caianiello, l’ex coordinatore provinciale di Forza Italia a Varese, difeso dal legale Tiberio Massironi. Nell’ordinanza cautelare del gip è definito il “burattinaio” del sistema di corruzione, a capo di un vero e proprio “sistema feudale in cui tutte le scelte della politica nel Varesotto, ma anche in Regione, passano da lui. Nei primi interrogatori di stamani nel carcere milanese di San Vittore, quattro degli altri indagati finiti in carcere hanno deciso di non rispondere. Tra loro Alessandro Petrone, ormai ex assessore all’Urbanistica ed Ambiente del Comune di Gallarate (Varese) e ritenuto il “braccio destro di Caianiello, sul versante amministrativo ed istituzionale del Comune di Gallarate”. Poi Piermichele Miano, un professionista anche lui legato a Caianiello, Leonida Paggiaro, ritenuto nell’indagine uno dei corruttori soprattutto in relazione ad un ‘piano di governo del territorio’, e Alessandro Crescenti, accusato di corruzione e figurante nelle imputazioni assieme a Caianiello. Anche loro tre hanno scelto di non rispondere al gip, così come l’ex assessore di Gallarate Petrone che dopo l’arresto ha rimesso le deleghe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piera Aiello, la deputata indagata per falso: “Non poteva candidarsi col suo nome”. I pm chiedono l’archiviazione

prev
Articolo Successivo

Virginia Raggi, il giudice: “La sindaca assolta perché fu vittima di un raggiro ordito dai fratelli Marra”

next