Venti giorni. Tanto è durato il caso di Armando Siri. Il sottosegretario indagato per corruzione ha animato un corpo a corpo tra la Lega e il Movimento 5 stelle. Tre settimane di dichiarazioni sempre più roventi tra le due forze di governo. Da una parte i pentastellati di Luigi Di Maio, che spingevano per le dimissioni. Dall’altra la Lega di Matteo Salvini, che invece si è schierata a difesa del suo sottosegretario. La svolta arriva il 2 maggio con il premier Giuseppe Conte che annuncia in conferenza stampa l’intenzione di chiedere la revoca del sottosegretario. Cosa che avviene durante il Consiglio dei ministri dell’8 maggio. “Ci sarà un decreto per la revoca di Armando Siri. Al presidente della Repubblica arriverà lo schema di decreto per la revoca. Abbiamo anche acquisito il parere del Cdm che ha ribadito la fiducia nel mio operato e ha preso atto di questa nostra iniziativa. Dopo una discussione franca e non banale, c’è stata piena fiducia sul mio operato e il governo ha preso la decisione più giusta”, ha spiegato il premier alla fine della riunione del governo.