Per terra, senza vita, con una ferita sotto il mento e tracce di vomito vicino al corpo. È stato trovato così l’agente dei servizi segreti italiani Massimo I., 50 anni, vicino all’albergo di Montmartre dove alloggiava, a Parigi. Secondo fonti dell’ambasciata italiana il funzionario è morto per cause naturali, nella notte tra domenica e lunedì. Il sito d’informazione Le Point scrive che i vigili del fuoco sono intervenuti all’una e mezza circa e hanno tentato di rianimarlo, invano.

L’uomo, scrive il giornale, alloggiava nell’albergo dal 3 maggio scorso, giorno del suo arrivo nella capitale francese con un volo da Roma a Roissy-Charles-de-Gaulle. Quando è stato trovato aveva addosso un bigliettino da visita con il numero di telefono della presidenza del Consiglio. Nella cassaforte della sua camera, la polizia ha trovato una chiave di sicurezza cifrata, una busta con 85 banconote da 20 euro, una pennetta Usb, una scheda sd e il relativo adattatore. Sul posto è intervenuta la polizia scientifica, mentre la procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per accertare le cause della morte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gaza, dopo la tregua: Netanyahu torna alle trattative per il governo. Ma senza nuove concessioni, la battaglia riprenderà

prev
Articolo Successivo

Turchia, Erdogan: se non vinco si rivota. Ma non fingiamo di cascare dal pero

next