Ogni mese, in Italia, ci sono 100mila offerte di lavoro che cadono nel vuoto. “E Bergamo è in cima alla lista tra i territori con maggior bisogno di lavoratori” rivela il presidente di Confindustria della Città dei mille, Stefano Scaglia. Il sistema produttivo bergamasco è in salute: l’export vola, la ripresa economica nel triennio 2013-2016 è stata la migliore della Penisola e la disoccupazione è tra le più basse delle 107 province (4,9%, dati Istat sull’anno 2018, in leggera crescita rispetto al 4,2% del 2017). Eppure gli imprenditori denunciano una difficoltà che appare incredibile in un Paese col 10,7% di disoccupazione (febbraio 2019) e col 32,8% di quella giovanile (15-24 anni) ma che ai piedi di Città alta suona come un’ovvietà: “Certo, qui è così da tempo. Più del 25% delle aziende ha difficoltà nel trovare lavoratori, tanto in termini di quantità che in termini di qualità”.

Industria, labore et frugalitate. Erano le tre parole che descrivevano Bergamo negli anni della Serenissima. Ci si aspeterebbe oggi, a distanza di secoli, una corsa di giovani, aspiranti lavoratori e disoccupati a occupare le posizioni scoperte, ma non è così. Le imprese, piccole o grandi che siano, vorrebbero crescere. Ma non possono: “Domanda e offerta non si incrociano, così la crescita rallenta” spiega ancora Scaglia. È il caso, tra i tanti, della Barbetta Costruzioni Meccaniche a Torre de’ Roveri, alle porte del capoluogo: “Siamo come i sarti che confezionano abiti su misura. E per questo la crisi non l’abbiamo percepita. Anzi, le commesse negli anni sono cresciute” racconta il titolare, Roberto Barbetta. “Vorremmo assumere, ma da circa un anno siamo fermi. Le abbiamo provate tutte: pubblicità sui giornali, passaparola, lezioni nelle scuole e richieste di aiuto a Confartigianato“.

Il centro per l’impiego di Bergamo, che conta 11 sedi e 64 dipendenti, funziona meglio di altri: nel 2018 ha avviato 2070 inserimenti lavorativi e 1430 tirocini, soddisfacendo il 15% delle domande dei propri utenti (a fronte di una media, a livello nazionale, del 3%). “Ma la difficoltà principale che abbiamo è la distanza con le imprese, che ci conoscono poco” è l’analisi della responsabile, Elisabetta Donati. In questo senso, l’impalcatura del reddito di cittadinanza dovrebbe aiutare a far incontrare domanda e offerta di lavoro e a migliorare l’efficienza dei centri per l’impiego. Grazie agli stanziamenti che il governo ha destinato a queste strutture, infatti, Bergamo potrà disporre di 21 nuovi dipendenti e almeno 35-40 navigator. “A quel punto potremo uscire da qui e cominciare a costruire una rete più solida con le imprese”. Il problema, però, è che prima di settembre-ottobre non arriverà nessuno.

Twitter: @albmarzocchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicurezza, non c’è niente di bianco nelle morti per lavoro nero

next
Articolo Successivo

Bergamo, l’azienda di trasporti è alla ricerca di autisti: “Non ci sono, così abbiamo fondato una scuola per i giovani”

next