Si è candidata al consiglio comunale ma nel volantino ha inserito una foto in cui porta il velo. Una decisione che ha scatenato le polemiche quella di Nasri Assiya, ventenne laureanda in matematica candidata del Movimento 5 stelle al consiglio comunale di Montoro, in provincia di Avellino. “Le foto con il velo? Ha un significato molto importante per lei e per il suo modo di vivere la fede”, l’ha difesa la deputata del M5s Stefania Ascari. Diverse persone, infatti, hanno attaccato Assiya sui social,  scagliandosi contro l’Islam e contestando il fatto che, in un video, la candidata parla in italiano solo alla fine del discorso.

“Da pentastellato mi rifiuto di avere un’islamista al governo”
La foto della ventenne è stata postata dal candidato sindaco di Montoro Silvia Romano scrivendo: “Nonostante la giovane età, Assiya vuole abbracciare la politica attiva. Spigliata, disinvolta ed energica, vuole partecipare al cambiamento e prendere per mano il suo futuro e quello dei tanti giovani di Montoro, impegnandosi in prima persona affinché Montoro possa correre verso un futuro di sviluppo sociale, economico, culturale e lavorativo”. Ma sotto la foto diversi sono i commenti negativi come: “Aiuto aiuto aiuto leggetevi un libro sul corano…” Molti anche gli elettori 5 stelle che dichiarano di non condividere la scelta: “Da pentastellato mi rifiuto di avere un’islamista al governo di qualsiasi cosa”. Oppure anche: “Addirittura col velo, bravi i 5 Stelle, come il Pd state diventando…a questo punto io non vi voto più”. E poi c’è pure chi critica il video in cui la ragazza parla in italiano solo alla fine: “Perché ti presenti parlando in una lingua diversa dall’italiano? La lingua è il primo strumento di integrazione“.

A difesa della candidata, è sceso subito in campo l’aspirante sindaca Silvia Romano: “A Montoro la comunità musulmana è ben integrata, sono fiera che tra chi ha giudicato negativamente la scelta di Nasri non ci fossero miei compaesani”.  Al fianco della ragazza si è schierata anche la deputata Ascari: “Assiya ha scelto liberamente di indossare l’hijab perché questo ha un significato molto importante per lei e per il suo modo di vivere la fede. Perciò invito tutte le persone che giudicano, che insultano e che vorrebbero spiegare agli altri come si vive ad avere più rispetto, a praticare l’ascolto, magari domandando quando non si comprende qualcosa”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salario minimo, Di Maio: “Pd apre sulla mia proposta? Fa ridere è come un condominio in lite”

next
Articolo Successivo

Elezioni comunali Campania, il fratello di Angelo Vassallo: “A Capaccio Paestum non votate Franco Alfieri del Pd”

next