“Discriminazione degli Iban esteri come modalità di pagamento”. È questo il motivo per cui l’Autorità Antitrust ha deciso di multare per 800mila euro Vodafone e Wind. A Fastweb, invee, è stata elevata una sanzione da 600mila euro. Gli operatori telefonici consentivano alla clientela di pagare i servizi di telefonia fissa e mobile solo attraverso la domiciliazione bancaria su conti correnti aperti in Italia. I gestori non permettevano l’addebito delle fatture neanche su conti aperti in Paesi membri dell’Unione europea, violando in questo modo l’articolo 9 del Regolamento europeo sui servizi di pagamento, che prevede un’armonizzazione dei servizi in tutta Europa.

Contro Telecom Italia, anch’essa sotto la lente dell’Antitrust, non è stata irrogata nessuna sanzione. Il motivo? L’azienda ha assicurato all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di mettersi in regola e permettere, entro giugno 2019, l’accoglimento delle richieste di domiciliazione su conti correnti di banche residenti nell’Ue. Entro 60 giorni Tim dovrà informare l’Antitrust sull’avvenuta attuazione degli impegni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bce, il tweet della Banca centrale rivendica lo slogan degli Avengers: “A qualunque costo? Lo disse già Draghi 7 anni fa”

prev
Articolo Successivo

Titoli di Stato, venduti in asta 5,5 miliardi di Btp e 1 miliardo di bond a 7 anni. In lieve calo i tassi del decennale

next