“Discriminazione degli Iban esteri come modalità di pagamento”. È questo il motivo per cui l’Autorità Antitrust ha deciso di multare per 800mila euro Vodafone e Wind. A Fastweb, invee, è stata elevata una sanzione da 600mila euro. Gli operatori telefonici consentivano alla clientela di pagare i servizi di telefonia fissa e mobile solo attraverso la domiciliazione bancaria su conti correnti aperti in Italia. I gestori non permettevano l’addebito delle fatture neanche su conti aperti in Paesi membri dell’Unione europea, violando in questo modo l’articolo 9 del Regolamento europeo sui servizi di pagamento, che prevede un’armonizzazione dei servizi in tutta Europa.

Contro Telecom Italia, anch’essa sotto la lente dell’Antitrust, non è stata irrogata nessuna sanzione. Il motivo? L’azienda ha assicurato all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di mettersi in regola e permettere, entro giugno 2019, l’accoglimento delle richieste di domiciliazione su conti correnti di banche residenti nell’Ue. Entro 60 giorni Tim dovrà informare l’Antitrust sull’avvenuta attuazione degli impegni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bce, il tweet della Banca centrale rivendica lo slogan degli Avengers: “A qualunque costo? Lo disse già Draghi 7 anni fa”

next
Articolo Successivo

Titoli di Stato, venduti in asta 5,5 miliardi di Btp e 1 miliardo di bond a 7 anni. In lieve calo i tassi del decennale

next