“Vi invito ad unirvi alla mia preghiera per i profughi che si trovano nei centri di detenzione in Libia, la cui situazione, già molto grave, è resa ancora più pericolosa dal conflitto in corso. Faccio appello perché specialmente le donne, i bambini e i malati possano essere al più presto evacuati attraverso corridoi umanitari“. Papa Francesco è tornato a parlare della situazione nel Paese nordafricano al termine del Regina Coeli in Piazza San Pietro rivolgendo un appello alla comunità internazionale.

Sulla questione dei centri di detenzione libici, sovvenzionati dall’Ue e dall’Italia, il Papa aveva espresso chiaramente il proprio pensiero lo scorso 23 settembre. “Sto pensando a un filmato che
testimonia la situazione di alcune carceri del nord Africa costruite dai trafficanti di persone – aveva affermato Francesco nel colloquio con i gesuiti a Vilnius – Quando i governi rispediscono indietro chi era riuscito a mettersi in salvo, i trafficanti li mettono in quelle carceri, dove si praticano le torture più orribili“: “Noi oggi ci strappiamo le vesti per quello che hanno fatto i comunisti, i nazisti e i fascisti… ma oggi? Non accade anche oggi? Certo, lo si fa con guanti bianchi e di seta!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunali 2019, candidato sindaco di Parabita (Lecce) rinuncia a correre dopo minacce di morte: “Tensione troppo alta”

next
Articolo Successivo

Libia, governo Sarraj: “Raid delle forze di Haftar su Tripoli, almeno undici morti”. Noc: “A rischio produzione di petrolio”

next