“Vi invito ad unirvi alla mia preghiera per i profughi che si trovano nei centri di detenzione in Libia, la cui situazione, già molto grave, è resa ancora più pericolosa dal conflitto in corso. Faccio appello perché specialmente le donne, i bambini e i malati possano essere al più presto evacuati attraverso corridoi umanitari“. Papa Francesco è tornato a parlare della situazione nel Paese nordafricano al termine del Regina Coeli in Piazza San Pietro rivolgendo un appello alla comunità internazionale.

Sulla questione dei centri di detenzione libici, sovvenzionati dall’Ue e dall’Italia, il Papa aveva espresso chiaramente il proprio pensiero lo scorso 23 settembre. “Sto pensando a un filmato che
testimonia la situazione di alcune carceri del nord Africa costruite dai trafficanti di persone – aveva affermato Francesco nel colloquio con i gesuiti a Vilnius – Quando i governi rispediscono indietro chi era riuscito a mettersi in salvo, i trafficanti li mettono in quelle carceri, dove si praticano le torture più orribili“: “Noi oggi ci strappiamo le vesti per quello che hanno fatto i comunisti, i nazisti e i fascisti… ma oggi? Non accade anche oggi? Certo, lo si fa con guanti bianchi e di seta!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Comunali 2019, candidato sindaco di Parabita (Lecce) rinuncia a correre dopo minacce di morte: “Tensione troppo alta”

prev
Articolo Successivo

Libia, governo Sarraj: “Raid delle forze di Haftar su Tripoli, almeno undici morti”. Noc: “A rischio produzione di petrolio”

next