Valtteri Bottas ha vinto il gran premio di Azerbaigian, sul circuito cittadino di Baku. Il finlandese ha preceduto sul traguardo il compagno di squadra Lewis Hamilton, scavalcato di un punticino anche nella classifica del Mondiali. Alla quarta tappa della stagione di Formula 1, la Mercedes conquista anche la quarta doppietta consecutiva: un record storico figlio di un dominio indiscusso. Un altro schiaffo per la Ferrari che si deve accontentare nuovamente del terzo gradino del podio con Sebastian Vettel, vicino agli avversari ma mai in grado di tentare un sorpasso.

Molto più frizzante è stata la prova di Charles Leclerc, rimontato dalla decima fino alla prima posizione dopo una qualifica disastrosa: il giovane monegasco ha ritardato a lungo la sosta ai box sperando in un colpo di fortuna, l’ingresso della Safety Car, per poter cambiare gomme e tentare l’assalto nel finale. Non è successo e quindi si è dovuto accontentare del giro più veloce della gara e della quinta posizione dietro a Max Verstappen su Red Bull. Completano la top ten, il messicano Sergio Perez sesto su Racing Point, lo spagnolo Carlos Sainz Jr e Lando Norris sulle due McLaren, Lance Stroll sull’altra Racing Point. Decimo posto per Kimi Raikkonen su Alfa Romeo, autore di una grande rimonta dopo la partenza dai box.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, Gp Baku: Bottas in pole, poi Hamilton. Altro disastro Ferrari: Vettel terzo, Leclerc finisce contro il muro

prev
Articolo Successivo

Formula 1, gran premio di Monza resta in calendario. Accordo trovato fino al 2024

next