Una bambina di 3 anni e mezzo è morta schiacciata dal cancello di ingresso di un parco giochi pubblico a Lerici, in provincia di La Spezia. La tragedia è avvenuta sabato pomeriggio, intorno alle 16: la piccola era lì insieme al nonno e ad uno zio. Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri che indagano sull’accaduto, un cancello di ferro scorrevole, una pesante struttura di 2 metri per 4, si è staccato ed è caduto a terra proprio mentre la bambina, che abita nella zona, stava uscendo dal parco giochi dove era stata fino a quel momento in compagnia del nonno e dello zio. Sul posto, nella frazione Pugliola, sono intervenuti il 118, con auto medica, e i vigili del fuoco: allertato l’elisoccorso la piccola è stata trasportata a Romito Magra per il trasferimento all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova ma nonostante i tentativi la bambina è deceduta durante il trasporto per le ferite riportate.

Il nonno della piccola è stato soccorso per un trauma al volto, riportato mentre tentava di sollevare il cancello e soccorrere la nipote, lo zio ha accusato un malore. Nel parco sono intervenuti anche i carabinieri della Spezia che hanno messo sotto sequestro l’area e stanno procedendo ai rilievi. Il corpo è stato trasferito all’obitorio dell’ospedale Sant’Andrea della Spezia. “Abbiamo avviato le verifiche del caso per capire che cosa sia accaduto” ha commentato Leonardi Paoletti, sindaco di Lerici. “Al momento non posso dire altro. C’è una indagine in corso“.

I carabinieri hanno messo sotto sequestro il parco e hanno individuato altri testimoni della tragedia. Si tratta di alcuni genitori che avevano accompagnato i loro bimbi nel parco approfittando della giornata di sole. Saranno sentiti nelle prossime ore per avere un quadro preciso di quanto accaduto. I militari sentiranno anche il nonno della piccola, che è rimasto ferito in modo lieve. Verranno ascoltati anche i tecnici del Comune di Lerici per ricostruire lo stato di manutenzione del cancello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, 16enne lasciato al pronto soccorso: “Ferito da 50enne durante una rapina”

next
Articolo Successivo

Torino, fugge dalla polizia e si schianta con la sua moto contro un’auto in sosta: morto un uomo

next