Della Resistenza ho tanti ricordi, anche se io non c’ero.

Ricordo quei signori che sulle montagne di Spezia e non solo avevano combattuto: li vedo ancora, sorridenti e a volte commossi, durante la Festa della Liberazione in piazza Concordia, il 25 Aprile. Con la banda che suonava “Bella ciao”. Mi parevano anziani quando avevo dieci anni o forse meno. Ma allora erano più giovani di me, adesso.

Ricordo anche i racconti dei miei vecchi, che avevano vissuto la guerra. Mio padre Pietro tornato a piedi dal fronte, dopo l’8 settembre 1943, e catturato, con il fratello gemello Paolo, dai nazifasciti sotto gli occhi dei nonni, per essere deportato in Germania.

Lì rimasero internati per 19 mesi perché, come tanti, rifiutarono di arruolarsi nelle milizie di Mussolini: aveva 22 anni. Tornò magrissimo e innamorato di una giovane tedesca, che non vide mai più. Anche lui resistette.

Ricordo che mia madre Lea rispose molto male a un soldato tedesco che la corteggiava, mentre lei raccoglieva la frutta su un albero. Gli altri la difesero dicendo che era un po’ selvatica e in effetti era vero. Aveva 20 anni e anche lei resistette.

Ricordo mia zia Luisa, sua sorella, che era maestra e percorreva ogni giorno più di 20 chilometri a piedi (o quasi) per raggiungere la sua scuola dall’altra parte del golfo. Ancora piangeva vedendo la lapide dei ragazzi fucilati dalle Brigate nere a Montepertico. Forse li conosceva, non ho mai capito. Aveva 24 anni e anche lei resistette.

Ricordo nonna Ida che, per procurarsi un po’ di preziosa farina di castagne, camminava con altre donne per decine di chilometri, fino alle montagne della Lunigiana. E al ritorno ne regalavano un po’ ai partigiani. Aveva 50 anni e anche lei resistette.

Gli altri nonni non li ho conosciuti, ma sono convinto che tanti allora seppero resistere con coraggio, come potevano. E a tutti, 74 anni dopo, sono grato. Ora e sempre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, le bufale del fascismo: pensioni, bonifiche, case, stipendi. Le cose buone che Mussolini non ha mai fatto

next
Articolo Successivo

Ue, la bandiera nasconde i simboli dell’Immacolata. Un libro svela il segreto delle 12 stelle

next