Lega ancora primo partito in Italia, ma in calo, mentre il Movimento 5 Stelle è in ripresa di mezzo punto, con il Pd che guadagna ancora qualche punto e rimane poco dietro. Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato ad Agorà, se si votasse oggi il partito di Matteo Salvini si attesterebbe al 31,3%, un calo dello 0,8% rispetto alle rilevazioni del 18 aprile effettuate dallo stesso istituto. Il M5s, in salita di mezzo punto, tornerebbe sopra il 23%, con il Pd, terzo partito, che guadagna lo 0,8% e raggiunge il 22,6%. Staccato, segue Forza Italia, che però guadagna 0,7 punti e raggiunge il 10,2%, e Fratelli d’Italia al 5,4.

Il sondaggio, realizzato il 23 aprile su un campione di 1.525 italiani maggiorenni, riporta numeri simili a quelli forniti sempre oggi da Demopolis che, in caso di Politiche, vede la Lega al 31% (-1,5% nell’ultimo mese), il Movimento 5 Stelle al 23,5% e il Pd al 20%, in ascesa dopo le primarie che hanno portato alla nomina di Nicola Zingaretti a nuovo segretario. Tutti gli altri partiti rimarrebbero, invece, sotto la soglia del 10%, con Fi al 9% e Fdi al 4,2%.

La situazione cambia leggermente se i sondaggi vengono effettuati in vista delle elezioni europee. Sempre Demopolis spiega che a influire sarebbe anche “un significativo incremento dell’astensione – dice il direttore Pietro Vento – Se la partecipazione al voto per le Politiche si attesta intorno al 70%, Demopolis stima invece al 62% l’affluenza per le Europee: otto punti in meno destinati a incidere sulle percentuali del consenso ai partiti”. È così che, a meno di un mese dal voto, la Lega salirebbe al 33%, il M5s si attesterebbe al 22% e il Pd al 21%. Distanziati Forza Italia all’8% e Fratelli d’Italia al 5%. Più Europa avrebbe poco più del 3%, mentre sarebbero distanti dalla soglia di sbarramento del 4% le altre forze minori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

25 aprile, De Luca: “Di Maio commuove ma suo padre è del Msi”. Sfottò su Salvini e Di Battista. E attacca ministro Grillo

prev
Articolo Successivo

25 aprile, Salvini in Sicilia cambia i toni: “Antifascismo valore fondante? Sì. Oggi giornata di unione e pacificazione”

next