“Dobbiamo fare tantissimo sul tema del razzismo e dell’antisemitismo, soprattutto se il 24 aprile accadono cose come quelle di ieri: uno striscione che inneggia a Mussolini. A maggior ragione bisogna festeggiare il 25 aprile”. L’ha detto il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, al termine della cerimonia per l’anniversario della Liberazione nella sinagoga romana di via Balbo. Il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro ha anche affermato: “Non vogliamo essere divisivi, il 25 aprile deve essere la giornata dell’unione nella quale al di là dei colori politici non solo si festeggia, ma si lavora perche siano onorati con il lavoro coloro i quali ci hanno portato sin qui”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, il termine fascismo è come una parolaccia: più lo si usa e più lo si svuota. Ed è un problema

next
Articolo Successivo

25 aprile, Mattarella: “Memoria dovere morale e civile. C’è ancora bisogno di uomini liberi contro violenza e fanatismi”

next