Le leggi per obbligare i commercianti ad accettare il bancomat anche per cappuccino e brioche, il pasticcio sulle sanzioni da comminare a chi si rifiuta (bocciate dal Consiglio di Stato), il saliscendi del tetto al contante cambiato sei volte nell’ultimo decennio. Sono tanti i paradossi della battaglia tra banconote e carte di credito: da un lato c’è l’obiettivo dichiarato combattere l’evasione fiscale e l’economia sommersa, dall’altro la tentazione di strizzare l’occhio a chi non ne vuol sapere di rendere tracciabile ogni transazione in entrata e in uscita. Così la politica si è divisa per anni, tra promesse mancate, tentativi di adeguarsi agli standard europei e veri e propri pasticci legislativi. E i contanti sono rimasti la forma di pagamento più utilizzata dagli italiani. Lo confermano i dati di Bankitalia (basati su un’indagine della Bce condotta nel 2016): l’85,9 per cento di tutte le spese avviene con denaro cartaceo, nel 12,9 per cento dei casi si ricorre alle carte di credito o al bancomat (soprattutto per transazioni superiori a 100 euro), mentre il restante 1,2 per cento degli acquisti viene effettuato con altri strumenti, come app mobile, internet banking e assegni. Usiamo i contanti per pagare la spesa al supermercato, per saldare il conto al ristorante, a volte persino per versare l’affitto di casa. Numeri che vedono l’Italia tra i fanalini di coda in Europa.

Pagamenti elettronici, tra obbligo del Pos ma senza sanzioni e giravolte sul tetto al contante l’Italia resta fanalino di coda

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanzioni Iran, stop alle esenzioni per otto Paesi tra cui l’Italia: da maggio l’import di petrolio deve essere azzerato

prev
Articolo Successivo

Salva Roma, in Italia sono 66 i Comuni in dissesto. Calabria e Sicilia in testa, in Veneto un solo caso (ma era falso allarme)

next