Da quando fa colazione su Hollywood Boulevard e scrive musica per i film di Netflix, Giosuè non si sente più domandare così spesso quanto guadagna. Il suo ultimo progetto si chiama Period. End Of Sentence, ed è un corto documentario sulla stigmatizzazione delle mestruazioni in India che lo scorso febbraio ha pure vinto l’Oscar. Sì, la domanda l’abbiamo infiocchettata bene e ci abbiamo provato: “Scusa, ma quanto pagano per lavori simili?”. Questa però è la differenza tra l’Italia e gli Stati Uniti quando si parla di lavoro, perché Giosuè non ha risposto. “Non si dice, significherebbe svalutare la propria professione, qualunque sia la cifra. La domanda piuttosto dovrebbe essere: sei felice a fare quello che fai?”.

Giosuè Greco è nato a Polistena, in Calabria, ha 29 anni e oggi lavora nel mondo dell’entertainment statunitense. Per anni ha studiato sassofono perché da grande voleva fare il jazzista, “questo era il piano”. Poi grazie a una borsa di studio ha messo piede alla Berklee School of Music di Boston e qui insieme ai libri è arrivata la pratica direttamente sul campo. “C’erano degli studi di registrazione fantasmagorici così ho messo il sassofono in pausa e ho iniziato a produrre artisti emergenti di notte. Non avremmo potuto produrre nulla di commerciale. In teoria”. Perché negli Usa spesso la pratica vince sul resto. “La preparazione teorica che ti dà la scuola americana è inferiore a quella che ti offre la nostra. Nella musica però sono molto bravi a farti fare esperienza. Per noi, per esempio, il progetto di fine semestre non era un tema o una tesi ma un disco”.

Con il diploma nello zaino, Giosuè lascia Boston e si mette a cercare un lavoro, prende un biglietto e vola in California. Produce cantanti indipendenti prima di iniziare a comporre per alcuni cortometraggi grazie a Dan Romer, un famoso producer che dalla musica era finito a scrivere brani per i film. “Cercava un assistente, l’ho contattato, abbiamo parlato e mi ha assunto. Stava lavorando al videogioco Far Cry 5 e alla serie tv The Good Doctor, mi ha chiesto di scrivere qualche brano come ‘additional writer’: gli è piaciuto tutto e ho cominciato”.

Ora Giosuè incontra i registi e mette in musica le loro emozioni. Compone per documentari, film e serie tv di Netflix come Innocent Man e Maniac ma non è un dipendente, fa il freelance. “Non ho lo stipendio fisso. Venir pagati a prescindere da quanto si lavora è un sogno tutto italiano. Qui funziona come in una grande azienda, lavori tanto e vieni pagato”. In Italia invece troppe volte si punta al posto fisso, “un miraggio con cui ci hanno illusi per anni”. Una chimera specialmente se vuoi fare il musicista o lavorare nel cinema, settore che è particolarmente complicato “perché non ci sono grossi investimenti e spesso le nostre produzioni devono affidarsi a bandi e finanziamenti regionali o europei”.

A proposito di domande, Giosuè risponde invece a quella su cosa dovrebbe fare chi volesse provare questa strada: “Bisogna andarsene dall’Italia perché spesso non ti prendono sul serio e perché non ci sono né soldiposti. La gente che scrive la musica dei film è sempre la stessa, i giovani non lavorano mai. Mi piacerebbe entrare in un multisala e poter scegliere tra venti film al 100% italiani e appena usciti”. La vita da freelance è lo spauracchio di molti, ma gli States sembrano insegnare come cavarsela. “Lo capisci appena arrivi, qui devi fare di tutto per essere il migliore. Bisogna avere personalità, in l’Italia invece l’idea del self-made man non esiste”. E quando nel 2012 Giosuè è arrivato negli Stati Uniti non si è scontrato con il mito del sogno americano, ma ha scoperto un modo nuovo per affrontare la scuola, il lavoro e il suo futuro.