La Corte di Appello di Ancona ha accolto la richiesta di revisione del processo per uno degli imputati del filone giudiziario dei presunti pedofili della Bassa Modenese, esploso negli anni Novanta in provincia di Modena, che ha visto 15 condanne e 24 assoluzioni. Lo riportano Il Resto del Carlino e La Repubblica. Il caso è stato al centro dell’inchiesta giornalistica Veleno condotta da Pablo Trincia e Alessia Rafanelli e pubblicata in podcast sul sito di Repubblica.

La Procura di Modena, negli anni, aveva ipotizzato violenze sessuali nei confronti di 16 minori, prevalentemente nella frazione di Massa Finalese. Una vicenda che portò all’allontanamento dei bambini dalle famiglie e a proclamazioni di innocenza dei genitori interessati anche a distanza di due decenni. Molti di loro, successivamente e dopo un lungo calvario giudiziario, vennero assolti, come i coniugi Covezzi.

Su istanza dell’avvocato Patrizia Micai, la Corte ha detto sì alla richiesta di Federico Scotta, condannato a fine anni Novanta a undici anni di carcere per abusi sessuali sui propri figli. A Scotta e a sua moglie furono tolti tre figli, due di tre ed otto anni, un altro appena nato. L’udienza per la revisione si terrà il prossimo 20 maggio, anniversario del decesso di don Giorgio Govoni, assolto post mortem dalle accuse di pedofilia e morto per infarto alla vigilia di una sentenza che lo riguardava.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, la ‘joint venture’ tra i clan per il traffico di droga dall’Albania: 10 persone arrestate. “Smerciavano fino in Abruzzo”

prev
Articolo Successivo

‘Ho cucinato strudel, ma nel forno c’erano 40mila euro e sono andati bruciati’: così la Finanza ha scoperto il maxi-evasore

next