Impresa nel torneo di Montecarlo Fabio Fognini. Il 31enne azzurro ha battuto l’undici volte campione del torneo Rafael Nadal, raggiungendo per la prima volta in carriera l’atto conclusivo in un torneo Masters 1000. Domani affronterà il tennista serbo Dusan Lajovic, autentica sorpresa del torneo. Un 6-4 6-2, quello del tennista ligure, che interrompe la striscia vincente di 18 partite consecutive di Rafael Nadal nel torneo monegasco. L’ultima sconfitta del maiorchino è datata 2015, quando fu Novak Djokovic, sempre in semifinale, a fermarlo.

Per il nativo di Arma di Taggia una prima volta ottenuta raggiunta al terzo tentativo (dopo le semifinali 1000 a Miami 2017 e sempre a Montecarlo nel 2013) al termine di una partita sontuosa. Fognini ha vinto con merito, mettendo in evidenza una condizione tecnica e psicologica poche volte mostrata in carriera. Per l’azzurro si tratta della quarta vittoria in carriera contro Nadal (bilancio 11-4 a favore dello spagnolo). La terza sul rosso dopo le affermazioni del 2015 a Rio de Janeiro e a Barcellona. Niente da fare per un Nadal non particolarmente in giornata e condizionato dal forte vento. Perso il primo set, infatti, lo spagnolo è letteralmente crollato fisicamente, permettendo all’azzurro di infilare un parziale di otto giochi a zero – tra primo e secondo set – che ha indirizzato la sfida. Nadal che è riuscito solo a evitare un clamoroso 6-0 nel secondo parziale, annullando tre match point a Fognini, prima di recuperare un break di svantaggio.

Quella ottenuta da Fabio Fognini sui campi del Monte Carlo Country Club è la prima finale a livello Masters 1000 per un italiano dopo quella di Adriano Panatta a Roma nel 1976. Nel torneo di Montecarlo, invece, non si tratta di una prima assoluta per i colori azzurri: nel 1968 Nicola Pietrangeli arrivò in finale e vinse. Nella domenica di Pasqua, contro il serbo Dusan Lajovic, Fognini andrà alla caccia del titolo più importante della sua carriera. In caso di vittoria, inoltre, salirebbe al numero 12 della classifica ATP (con questo risultato è al numero 14), a un passo dalla Top 10 da sempre inseguita.