Sono sei giovani residenti tra Monza provincia, minorenni e maggiorenni di varie nazionalità, i componenti della “compagnia del Centro” o “compagnia del Ponte”, come era noti tra i coetanei, i presunti responsabili di una serie di rapine aggravate, una delle quali degenerata in tentato omicidio, arrestati dalla Questura di Monza in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Monza, il 13 aprile scorso.

Secondo l’indagine ‘Gta‘ della Squadra Mobile di Monza, il gruppo si era organizzato ispirandosi al violento videogioco da cui ha preso il nome l’inchiesta, prendendo di mira giovanissimi che, sotto minaccia, consegnavano quanto avevano con sé. L’obiettivo della banda, secondo gli inquirenti, era quello di imporre la propria ‘supremazia’ nel centro di Monza, allontanando gli indesiderati e derubandoli specificando: “questa è la nostra zona”. Tra le vittime delle aggressioni anche un clochard.

Durante gli arresti ai giovani della gang sono stati sequestrati telefoni cellulari e quanto utile per proseguire le indagini, coordinate dal Pm Carlo Cinque, a cui hanno collaborato il Reparto Prevenzione Crimine Lombardia e squadre cinofile e della Polizia Scientifica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Violentata in crociera”: 17enne denuncia italiano, ma la Spagna libera l’accusato. E il caso diventa un intrigo internazionale

prev
Articolo Successivo

Napoli, crolla parete in una scuola di Sant’Anastasia: “Contusi una maestra incinta e cinque alunni” – FOTOGALLERY

next