“Non da oggi siamo preoccupati per la condizione di centinaia di migliaia di bambini e minori in Libia, l’escalation militare peggiorerà una situazione già grave. In 500mila sono a rischio“. A denunciarlo l’Unicef, nel corso di un evento in cui è stata nominata la giornalista Myrta Merlino come Goodwill Ambassador di Unicef Italia. “Nei campi in Libia, compresi quelli non ufficiali, avvengono atrocità di cui avevo sentito parlare soltanto nei racconti dell’Olocausto. Ora basta indifferenza sul tema dei migranti“, ha spiegato la giornalista.
Ma non c’è solo il caso Libia, tutto mentre il governo si divide sul tema dei porti e dell’accoglienza: “In Nigeria nel 2050 ci sarà la popolazione più giovanile del mondo, cosa stiamo facendo per affrontare queste realtà?”, spiegano da Unicef. Allo stesso modo viene bocciato anche il Decreto Sicurezza: “Il rischio è che questi ragazzi lascino i centri. In un Paese che non è loro, il rischio è che diventino un problema sociale”, ha avvertito Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

De Magistris annuncia: “DemA correrà alle prossime regionali. Probabile la mia candidatura”

prev
Articolo Successivo

Prato, la prof rimasta incinta dello studente rischia anche il reato di violenza sessuale su minore

next