Quello che vedete è il primo modello elettrico mai prodotto da Aston Martin: la Rapide E, che debutta al salone di Shanghai. Verrà costruita in soli 155 esemplari nello stabilimento deputato all’elettrificazione del brand inglese, quello di St Athan, ed è il primo mattone su cui costruire il futuro a batteria del marchio automobilistico più amato da James Bond. L’architettura elettrica da 800 V di Rapide E è garantita da una batteria agli ioni di litio, racchiusa in un involucro di fibra di carbonio e Kevlar, con una capacità installata di 65 kWh ed un’autonomia di oltre 320 chilometri. Questa alimenta due motori elettrici montati posteriormente che sviluppano una potenza combinata di poco più di 610 cavalli e una robusta coppia di 950 Nm. Le prestazioni, dunque, sono in linea con la tradizione della sportiva inglese: meno di 4 secondi per lo 0-100 e 250 orari di velocità massima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula E, a Roma vince Mitch Evans del team Panasonic Jaguar

next
Articolo Successivo

Ford Self-Braking Trolley, il carrello della spesa che frena da solo – FOTO e VIDEO

next