Commemorazione partigiana al cimitero Maggiore di Milano. L’Anpi, accompagnata dal sindaco Beppe Sala, il rabbino capo della comunità ebraica milanese Alfonso Pedatzur Arbib e, per la prima volta, l’ arcivescovo di Milano Monsignor Delpini, hanno omaggiato i caduti della Resistenza italiana a pochi giorni dalla festa della Liberazione. “Preoccupanti le derive razziste, la Resistenza è stata per chi c’era, per chi non c’era e per chi era contro, dobbiamo ricordarcelo tutti” ha detto Roberto Cenati, presidente Anpi Milano, che ha guidato il corteo in omaggio ai combattenti per la libertà. “Manifestazioni come questa hanno un debito di riconoscenza verso il passato – ha detto Delpini – professano speranza per l’umanità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità Umbria, Zingaretti: “Marini? Confido nel senso di responsabilità. Provvedimenti? Non all’ordine del giorno”

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Se per 136 agenti in più Salvini è Batman io che ne ho assunti mille sono Wonder Woman”

next