La guglia e quasi tutto il tetto crollati, la struttura in legno interna divorata dalla fiamme. Un incendio ha distrutto in poco meno di tre ore oltre 850 anni di storia. Notre-Dame brucia in un lunedì pomeriggio davanti a una Parigi sconvolta per il rogo che ha inghiottito la parte superiore della cattedrale, simbolo della Francia. Ma dopo una lotta durata dalle 18.50 fino a dopo le 23, con 400 vigili del fuoco, è arrivato l’annuncio: “Almeno la struttura portante è salva nella sua totalità”.

Le fiamme sono circoscritte e nella notte si continua a salvare la chiesa con un intervento che durerà giorni. Ma per ore si è temuto il peggio, cioè che le fiamme inghiottisero anche le mura del capolavoro nel cuore di Parigi.

La portata dell’incendio diventa chiara attorno alle 20, quando viene giù, avvolta dalle fiamme, quel che resta della guglia, ormai incenerita, alta 93 metri. Si sgretola in mondovisione mentre la capitale della Francia è sotto choc.

La facciata viene intaccata, i pompieri intervenuti temono il peggio ma lottano – uno di loro resta gravemente ferito – e la salvano. Così anche il presidente Emmanuel Macron, che nel pomeriggio aveva detto “brucia una parte di noi”, tira un sospiro di sollievo e conferma che le mura di Notre-Dame sono salve: “La ricostruiremo”, promette a tarda sera. Al riparo sarebbe anche il “tesoro” della cattedrale, custodito in sagrestia, che comprende la corona di spine di Cristo. 

Il rogo si è sviluppato attorno alle 18.50 e l’origine sarebbe da ricercare in un’impalcatura presente sul posto per i lavori di restauro. Anche se Macron, durante le sue dichiarazioni alla stampa non accenna mai alle cause e la procura di Parigi indaga sui cantiere, allestito ma non ancora aperto.

Sono solo state rimosse l’11 aprile 16 sculture in rame, altre tre metri e pesanti 250 chili – le statue di Gesù, dei 12 apostoli e i simboli degli evangelisti – che sarebbero dovute tornare al loro posto nel 2021. Per i pompieri l’incendio è “probabilmente” legato ai lavori di ristrutturazione, finanziati dallo Stato francese, che miravano a riparare i danni inflitti dal tempo e dall’inquinamento. Ma a ore dal rogo il condizionale resta d’obbligo.

L’intera Ile-de-la Cité, dove sorge la cattedrale, resta isolata. I turisti – molto numerosi – vengono evacuati e si assiepano sull’altra riva della Senna, da dove fino a tarda sera osservano l’avanzare delle fiamme assieme a migliaia di parigini scesi in strada, tra canti e preghiere. Ore di angoscia, chiuse dalle parole di Macron che annuncia una sottoscrizione internazionale per rimettere in piedi la cattedrale che “è la nostra storia, la nostra letteratura. È l’epicentro della nostra vita”. Il cuore di Parigi è incenerito ma, è la promessa dell’Eliseo, batterà ancora. 

ORA PER ORA (ultimo aggiornamento alle 00.06)

Ore 23.40 – Vigili al lavoro per giorni
“Cinquecento uomini lottano contro le fiamme e lo faranno ancora per ore e probabilmente per giorni”. Così il presidente francese, Emmanuel Macron, parlando sul posto a Notre-Dame a Parigi, dove la cattedrale continua a bruciare da ore. I pompieri hanno “lavorato con coraggio leonino, grande professionalità e tenacia. Vorrei esprimere un encomio per loro da tutta la nazione”, ha dichiarato Macron, dicendo “grazie al loro impegno e anche a quello del Comune di Parigi e delle istituzioni”.

+++Ore 23.38 – Macron: “La ricostruiremo”+++

Ore 23.22 – La procura: “Indagine per distruzione involontaria”
La procura di Parigi fa sapere che l’indagine che ha aperto per il rogo della cattedrale di Notre-Dame è per “danneggiamento colposo” e “distruzione involontaria tramite incendio”. Pochi minuti prima, Le Monde aveva parlato di un’indagine per dolo.

Ore 23.15 – Le Monde: “Inchiesta per distruzione dolosa”
La procura di Parigi apre un’indagine per la distruzione dolosa della cattedrale provocata da un incendio. Lo specifica Le Monde, citando fonti della procura.

+++Ore 23.01 – La struttura è salva+++
Secondo i pompieri di Parigi, nonostante l’incendio, “la struttura di Notre-Dame è salva e preservata nella sua totalità”.

Ore 23 – Un vigile del fuoco ferito
Un vigile del fuoco è rimasto ferito nelle operazioni per domare l’incendio che ha devastato la cattedrale di Notre Dame. Lo ha reso noto Jean-Claude Gallet, comandante dei vigili del fuoco.

+++Ore 22.55 – “I campanili sono stati salvati”+++
I pompieri hanno arginato l’incendio che ha devastato la cattedrale di Notre Dame. I vigili del fuoco hanno reso noto che le fiamme sono state fermate sul versante nord e l’operazione ha consentito di salvare i due campanili.

Ore 22.50 – Site: “Jihadisti esultano”
I jihadisti esultano sul web per il rogo che sta devastando Notre Dame. A quanto scrive Site sul suo profilo twitter, sono numerosi i profili collegati ad account di islamisti dai quali vengono condivise foto dei media che mostrano le fiamme e il fumo che si alza dalla cattedrale di Parigi, immagini accompagnate da commenti in cui si esprime gioia per la tragedia che ha colpito la capitale francese.

Ore 22.30 – Trump: “Spettacolo terribile”
Quello che sta bruciando a Parigi “è uno dei più grandi tesori al mondo, è parte della nostra cultura”: così Donald Trump ha commentato l’incendio di Notre Dame aprendo un intervento elettorale in Minnesota. “È uno spettacolo terribile da vedere”, ha aggiunto il presidente americano.

+++Ore 22.15 – Struttura in legno distrutta+++
La struttura in legno della cattedrale di Notre Dame è distrutta. Lo scrive il quotidiano cattolico La Croix, che diffonde immagini del disastro acquisite da un drone.

Ore 21.57 – “Decisiva la prossima ora e mezza”
“La prossima ora e mezza è determinante”. Sono le parole di un portavoce dei vigili del fuoco, impegnati da ore per domare l’incendio che sta devastando la cattedrale di Notre Dame. “Non siamo sicuri di poter fermare la diffusione delle fiamme sul campanile nord. Se crolla, vi lascio immaginare la gravità del danno”, riferisce Le Parisien.

Ore 21.55 – Macron all’Eliseo, parlerà a breve
Il presidente francese, Emmanuel Macron, giunto nei pressi della cattedrale di Notre-Dame in fiamme, è rientrato all’Eliseo, secondo quanto riferisce la tv BFM. Il presidente dovrebbe prendere la parola per una dichiarazione fra circa un’ora e mezzo.

Ore 21.50 – Il viceministro dell’Interno: “Salvataggio non garantito”
Il salvataggio della cattedrale di Notre Dame “non è garantito”. Sono le parole del viceministro dell’Interno, Laurent Nunez, presente sul luogo del disastro.

Ore 21.45 – Santa Sede: “Shock e tristezza”
“La Santa Sede ha accolto con shock e tristezza la notizia del terribile incendio che ha devastato la Cattedrale di Notre Dame, simbolo della cristianità in Francia e nel mondo. Esprimiamo vicinanza ai cattolici francesi e alla popolazione di Parigi e assicuriamo le nostre preghiere per i pompieri e quanti stanno facendo il possibile per far fronte a questa drammatica situazione”. Così il direttore ‘ad interim’ della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti.

+++Ore 21.34 – “Canadair non utilizzabili” +++
La Protezione civile francese spiega perché non è stato possibile utilizzare i Canadair, gli aerei solitamente utilizzati per lo spegnimento degli incendi boschivi: “Rilasciare acqua da un aereo su questo tipo di edificio potrebbe causare il crollo dell’intera struttura”, scrive in un tweet la Protezione civile francese dopo che in molti, guardando le fiamme che stanno devastando la cattedrale di Notre-Dame, si sono chiesti perché i pompieri non abbiano fatto uso di Canadair o elicotteri. (“Ecco perché non sono stati utilizzati”, l’intervista del Fatto.it ad Alessandro Paola, vicario del Dipartimento emergenze dei Vigili del fuoco)

Ore 21.18 – “Oggetti sacri sono al sicuro”
Il tesoro di Notre-Dame al momento non è stato toccato dall’incendio. “Gli oggetti sacri sono conservati nella sagrestia”, ha reso noto il portavoce di Notre-Dame, André Finot, come riporta Le Figaro. “Dobbiamo vedere – ha aggiunto – se la volta, che protegge la cattedrale, verrà toccata” dal rogo.

Ore 21.17 – Mille evacuati dall’Ile de la Cité
Le autorità di Parigi hanno deciso di evacuare i circa mille residenti dell’Ile de la Cité, l’isola sulla Senna dove sorge Notre-Dame devastata da un incendio, e ha messo a disposizione uno spazio in un altro quartiere per coloro che non hanno altre soluzioni per passare la notte. Lo riferiscono i media francesi.

Ore 21.16 – Media Usa: “Ricorda l’11 settembre”
Lo shock per il crollo della guglia di Notre-Dame, uno dei simboli di Parigi, come quello del per il crollo delle Torri Gemelle, simbolo di Manhattan. Su alcuni media Usa e sui social media in America inevitabile il parallelo tra lo sconcerto vissuto dai parigini davanti alle immagini della distruzione della secolare cattedrale con quello che vissero i newyorchesi l’11 settembre 2001 nel vedere sgretolarsi le iconiche Twin Towers.

+++ Ore 21.12 – Fiamme sul campanile +++
L’incendio che sta devastando la cattedrale di Notre-Dame ha raggiunto il campanile sinistro dell’edificio. I vigili del fuoco faticano a contenere le fiamme, che continuano a diffondersi ad un’altezza notevole.

+++ Ore 21.06 – Portavoce: “Sta bruciando tutto, non resterà niente” +++
“Sta bruciando tutto, tutta la struttura, che risale al XIX secolo da una parte e al XIII dall’altra, non ne resterà più niente”. Così André Finot, portavoce della cattedrale di Parigi, parlando con AFP e riferendosi alla struttura di legno che sostiene il tetto della cattedrale parigina.  

Ore 20.59 – Tusk: “Notre-Dame di Parigi è Notre-Dame di tutta l’Europa”
“Notre-Dame di Parigi è Notre-Dame di tutta l’Europa. Siamo tutti con Parigi oggi”. Lo ha twittato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Ore 20.52 – Procuratore di Parigi: “Troppo presto per ipotizzare cause”
“Troppo presto” per ipotizzare la causa dell’incendio che sta devastando la cattedrale di Notre Dame a Parigi. Sono le parole del procuratore di Parigi, Rémy Heitz.

Ore 20.51 – Vescovi francesi: “Simbolo vivo della fede cattolica”
“Un grande luogo della fede cattolica sta bruciando” con l’incendio alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Lo afferma ad AFP il portavoce della Conferenza dei vescovi di Francia (Cef), Vincent Neymon, che definisce la chiesa un “simbolo vivo della fede cattolica”.

Ore 20.45 – Conte: “Un colpo al cuore per tutti gli europei”
“Un coup au coeur pour les Français et pour nous tous les Européens #NotreDame”. Così il premier Giuseppe Conte esprime in francese la sua solidarietà ai transalpini per quanto sta accadendo a Notre Dame, devastata dalle fiamme.

Ore 20.44 – Di Maio: “Vicino al popolo francese”
“Sono vicino al popolo francese per questo terribile incendio che ha colpito la cattedrale di Notre Dame, patrimonio dell’umanità tutta. Per Parigi e la Francia il supporto e il sostegno di tutto il governo italiano!”. Lo scrive su Twitter il vicepremier Luigi Di Maio.

Ore 20.44 – Merkel: “Simbolo della cultura europea”
La cattedrale di Notre Dame è “un simbolo della Francia” e della “nostra cultura europea”. Sono le parole della cancelliera tedesca, Angela Merkel, mentre la cattedrale di Notre-Dame a Parigi viene devastata da un enorme incendio.

Ore 20.40 – Macron è arrivato sul posto
Il presidente francese Emmanuel Macron è arrivato attorno alle 20.30 nell’area della cattedrale.

Ore 20.36 – Ministero dell’Interno: “400 pompieri in azione”
Sono 400 i pompieri impegnati nelle operazioni per domare l’incendio. Lo rende noto il ministero dell’Interno. Al momento nessuno, tra i vigili del fuoco, risulta ferito.

Ore 20.35 – Unesco: “In campo per restaurare la cattedrale”
“Profonda emozione davanti a questo incendio drammatico nella cattedrale di Notre-Dame a Parigi”. E’ quanto si legge nel tweet dell’Unesco. “L’Unesco sta monitorando attentamente la situazione ed è accanto alla Francia per salvaguardare e restaurare questo inestimabile patrimonio”.

Ore 20.26 – La Procura apre un fascicolo
La Procura di Parigi ha aperto un fascicolo. Lo riferiscono i media.

Ore 20.22 – Arcivescovo: “E’ un dramma”
“E’ un dramma”. Sono le parole dell’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit. La diocesi, come riferisce Le Parisien, al momento non rilascia altre dichiarazioni ufficiali.

Ore 20.20 – Salvini: “Vicinanza e aiuto”
“Terrificante incendio alla cattedrale di Notre Dame, crollata la guglia. Un pensiero e un abbraccio al popolo di Parigi. Dall’Italia tutta la nostra vicinanza e tutto l’aiuto che potremo dare”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini in un tweet.

Ore 20.18 – Le Maire: “Colpita al cuore la nostra cultura”
“Sono totalmente sconvolto per l’incendio di Notre Dame: la nostra storia millenaria, la nostra memoria, la nostra cultura sono colpite al cuore”. Così in un tweet il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire in merito all’incendio a Parigi di Notre Dame.

+++ Ore 20.17 – Le Figaro: “Il tetto è crollato” +++
Il tetto della cattedrale di Notre Dame, devastata da un enorme incendio, è crollato. Lo riferisce l’edizione online del quotidiano Le Figaro.

Ore 20.12 – Macron: “Triste. Sta bruciando una parte di noi”
“Notre-Dame a Parigi è in preda alle fiamme. Emozione di tutta una nazione. Pensiero per tutti i cattolici e tutti i francesi. Come tutti i nostri compatrioti, sono triste stasera di veder bruciare questa parte di noi”. Così su Twitter il presidente francese, Emmanuel Macron.

Ore 20.06 – Macron si sta recando sul posto
Il presidente francese, Emmanuel Macron, che avrebbe dovuto annunciare attese riforme in diretta tv alle 20, ha rinviato l’intervento e si sta recando a Notre-Dame, la cattedrale divorata dalle fiamme di un enorme incendio.

Ore – 20.02 – Cittadini in lacrime davanti al rogo
Decine di persone in lacrime osservano l’incendio. L’area del monumento è stata isolata, il perimetro di sicurezza è estremamente ampio proprio per le dimensioni dell’incendio, che ha già provocato il crollo delle impalcature allestite per i lavori di restauro programmati e in parte svolti.

Ore 19.58 – Ministro Castaner: “Dispiegato dispositivo eccezionale”
“Un dispositivo eccezionale è stato dispiegato dalla Prefettura di Polizia per neutralizzare questo violento incendio” di Notre-Dame. Così il ministro dell’Interno, Christophe Castaner in un tweet esprimendo il proprio “sostegno” e la sua solidarietà con i vigili del fuoco parigini “mobilitati per salvare il nostro patrimonio comune, nel cuore di Parigi”. Il ministro “condivide l’immensa emozione dei parigini e dei francesi”.

+++ Ore 19.56 – Collassata la guglia +++
E’ crollata, in fiamme, la parte superiore della guglia di Notre-Dame, simbolo della città di Parigi.

Ore 1948 – Trump: “Agire in fretta”
“E’ così orribile vedere il grande incendio alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Forse gli aerei anti-incendio potrebbero essere utilizzati per spegnerlo. Occorre agire in fretta”. Così il presidente Usa, Donald Trump.

Ore 19.45 – Macron rinvia intervento in tv
A causa dell’incendio il presidente Emmanuel Macron ha rinviato l’intervento di stasera in tv in cui avrebbe dovuto annunciare attese riforme.