Kunos Simulazioni ha annunciato negli scorsi giorni che Assetto Corsa Competizione, il videogioco simulatore ufficiale della Blancpain GT Series, sarà rilasciato nella sua versione completa a partire dal 29 Maggio, vedendo conclusa la fase di accesso anticipato tramite cui gli appassionati hanno potuto provare le feature del nuovo capitolo man mano si rendevano disponibili.

Abbiamo avuto modo di intervistare Marco Massarutto e Aristotelis Vasilakos, due dei volti dietro lo sviluppo di Assetto Corsa Competizione, su alcune delle novità rispetto al precedente titolo come il sistema di gestione delle condizioni metereologiche dinamiche, con una riproduzione più realistica del bagnato che non simula una semplice minore aderenza, ma cerca di riprodurre la diversa aderenza ottenuta in base al tipo di gomme usate (e relative scanalature) ed all’effettiva quantità d’acqua presente in pista.

Puntando molto sulle opportunità di gioco competitivo, il nuovo titolo di Kunos introduce per il Multiplayer un sistema di matchmaking che si basa sulla valutazione del giocatore e delle sue azioni non solo nelle partite online ma anche nella modalità single player, nel tentativo di offrire ai player più avanzati un buon livello di sfida e la garanzia di non trovarsi in gara contro avversari con abituali comportamenti tossici per la competizione, così come di permettere ai player meno esperti di confrontarsi con altri giocatori del proprio livello e non trovarsi fin da subito a sfidare potenziali campioni.

Nei prossimi giorni pubblicheremo un articolo con le nostre prime impressioni su Assetto Corsa Competizione e maggiori dettagli sulle novità presenti nel titolo.

 

Video di Paolo Tani
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Altoparlanti intelligenti sempre più amati, nel 2019 supereranno 200 milioni di unità

prev
Articolo Successivo

Simulatori e videogame automobilistici, con le tecnologie odierne il passaggio dalla pista virtuale a quella reale è più semplice

next