Doppietta Mercedes, la terza su tre gare, nel Gran Premio della Cina, millesima gara nella storia della Formula 1. Lewis Hamilton ha trionfato a Shanghai davanti al compagno di squadra Valtteri Bottas, che scattava dalla pole position e ha perso la posizione al via a vantaggio del britannico. Completa il podio, in un Gran Premio dominato dalle Frecce d’Argento, la Ferrari di Sebastian Vettel, terzo davanti alla Red Bull di Daniel Ricciardo. Quinta l’altra rossa di Charles Leclerc, penalizzato da un ordine di scuderia (ha lasciato strada all’11° giro al tedesco che era in pressing su di lui) e in termini di strategia per proteggere la terza posizione di Vettel dall’assalto di Verstappen. Sesta piazza per Pierre Gasly, che nel penultimo giro ha tolto il punto del giro veloce a Sebastian Vettel.

Il campione del mondo in carica conquista così la sesta vittoria in Cina, la 75/a in carriera e la seconda di fila dopo quella in Bahrain. Era dal 2014 che la Mercedes non piazzava tre doppiette nelle prime tre corse dell’anno. Completano la top ten Daniel Ricciardo, settimo con la Renault, davanti alla Racing Point di Sergio Perez. Nona piazza per l’Alfa Romeo-Sauber di Kimi Raikkonen, decimo Alexander Albon, autore di una splendida gara in rimonta. Solo 15° Antonio Giovinazzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mick Schumacher esordisce in Ferrari: i primi istanti del figlio di Michael alla guida della rossa di Maranello nei test della F1

prev
Articolo Successivo

Formula 1, Gran Premio Cina: così la Ferrari ha umiliato Leclerc

next