Prima l’ha spinta da dietro, poi le ha fatto sbattere la pancia contro il lavandino, infine l’ha picchiata sul corpo e alla testa, sbattendola anche contro un armadio. Infine le ha dato un calcio in mezzo alle gambe. Una scena di violenza bruta ancora più impressionante se si tratta di ragazzini delle scuole elementari. La vittima, 8 anni, è una alunna che è finita al pronto soccorso per le lesioni e, dopo 18 ore di controlli, è stata dimessa con una prognosi di 5 giorni. L’aggressore è un suo compagno di classe che come lei frequenta una scuola della zona di Villafranca, in provincia di Verona. L’episodio, avvenuto nel bagno dell’istituto mentre la bambina si stava lavando le mani, è raccontato dall’Arena.

E’ stata la madre a raccontare che la ragazzina è presa di mira dal coetaneo da almeno tre anni: “Un problema – dice – per il quale ho chiesto più volte alle insegnanti di intervenire, senza però ottenere nulla”. I referti dell’ospedale sono stati inviati alla Procura dei minori. La dirigente scolastica dell’istituto ha avviato accertamenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piemonte, bambini cattolici e musulmani insieme a lezione di religione. Preside: “Scuola deve creare spirito di comunità”

next
Articolo Successivo

Scomodo, il giornale studentesco trova una sede. E lancia una raccolta fondi per realizzare un hub culturale

next