Il governo maltese ha autorizzato lo sbarco degli oltre 60 migranti – tra cui 12 donne, una incinta, e un bambino – a bordo della nave tedesca Alan Kurdi. La nave era bloccata da più di una settimana al largo della costa.

I profughi saranno trasferiti in Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo come confermato dal premier maltese Joseph Muscat. Si rallegra di ciò il ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha commentato: “Ottime notizie! Come promesso, nessun immigrato a bordo della nave Alan Kurdi arriverà in Italia. Verranno trasferiti in altre nazioni europee, a partire dalla Germania che è il paese di quella ong. E ora anche La Valletta fa benissimo a denunciare la pressione indebita e pericolosa delle Organizzazioni non governative. La vicenda della Alan Kurdi rafforza la collaborazione tra Italia e Malta contro i trafficanti di esseri umani: non possiamo essere lasciati soli a fronteggiare sbarchi e trafficanti di esseri umani. Ribadiamo, con forza, che le ong non sono al di sopra della legge. Noi e Malta siamo stati i primi a dirlo, e ora se ne accorgono in tutta Europa”.

Sbarcheranno i migranti ma non approderà in porto la Alan Kurdi, imbarcazione della ong tedesca Sea Eye che ha soccorso i migranti lo scorso 3 aprile. La nave non è stata infatti autorizzata a entrare in porto.
Due donne e un membro dell’equipaggio erano stati evacuati per le condizioni di salute nei giorni scorsi mentre ieri la situazione è stata sbloccata anche dal ministro dell’Interno francese Castaner che si era detto disponibile ad accogliere 20 persone. Un’azione di regia è stata fornita dalla Commissione Europea che si è detta “sollevata” dalla notizia dello sbarco. Ma resta lo sguardo preoccupato al futuro: “Questo incidente mostra ancora una volta chiaramente che l’Unione Europea non può continuare ad affidarsi a soluzioni ad hoc. Servono soluzioni prevedibili e sostenibili per far sì che gli sbarchi delle persone soccorse in mare possono avvenire sistematicamente e insicurezza in futuro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Bloomberg: “L’analisi costi-benefici boccerà il progetto perché insostenibile”. Toninelli: “Non è ancora completata”

next
Articolo Successivo

Roma, abusi sessuali sulle allieve durante le lezioni di chitarra a domicilio: arrestato

next