Con i dati positivi registrati a gennaio e febbraio (rispettivamente +1,9 e +0,8%), l’industria italiana si candida a sorpresa a fare da locomotiva che traina l’aumento della produzione industriale dell’Eurozona nel primo trimestre del 2019. A calcolarlo è l’agenzia Bloomberg, che ha rielaborato i dati Eurostat sui primi due mesi dell’anno tenendo conto del peso di ogni Paese sulla produzione totale dell’area e ipotizzando un trascinamento anche su marzo. La Penisola risulta prima con un contributo del 35,7%, seguita da Francia (32,2%) e Spagna (18%). Maglia nera la Germania, con un contributo negativo del 21%: la produzione industriale tedesca a gennaio è scesa dello 0,8%, a febbraio è salita dello 0,7%.

La produzione industriale italiana a gennaio è stata in linea con una media positiva per tutta l’area euro (+1,4% appena rivisto al rialzo a +1,9%) mentre a febbraio il +0,8% messo a segno da Roma è molto migliore della media che fotografa un calo dello 0,2%.

“Il rimbalzo della produzione dell’Italia fa ben sperare per un’uscita dalla recessione”, scrivono Lorenzo Totaro e Giovanni Salzano per Bloomberg, anche se “la terza maggiore economia dell’area dell’euro deve ancora fare molto per recuperare il terreno perso nell’ultimo decennio”. Infatti “nonostante la recente ripresa, la produzione industriale italiana rimane inferiore del 17% rispetto al picco pre-crisi del 2007, mentre la Germania è sopra del 7%“. 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aumenti Iva, Tria: “Imposta più spostata sui consumi è virtuosa. Decreto crescita debole? Di più non potevamo fare”

next
Articolo Successivo

Dazi, la risposta Ue a Trump: misure per 20 miliardi di dollari contro prodotti Usa

next