Ospite della terza puntata di “Accordi & Disaccordi” in onda su Nove, dopo Fratelli di Crozza, Danilo Toninelli titolare del dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Ai microfoni di Andrea Scanzi e Luca Sommi, messo di fronte al calo dei consensi del Movimento cinque stelle in favore della Lega che emerge dai sondaggi, commenta che il suo partito sta “mettendo in campo tutta una serie di cose piccole, medie e grandi che si vedranno, si capiranno e si percepiranno in maniera tangibile nella vita quotidiana un po’ più avanti”. Parlando di immigrazione aggiunge: “Salvini senza il sottoscritto non avrebbe potuto fare niente. Ma non vado in giro a dirlo, non mi importa nulla”. L’importante per Toninelli è che ci siano “meno morti e meno barconi che partono dalle coste libiche”.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 149 0 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Toninelli: “Crollo del Ponte Morandi? Mi ha stravolto la vita. Ricostruiremo a primavera 2020”

prev
Articolo Successivo

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta quattro fake news: è vero che il reddito di cittadinanza è un flop?

next