Niente arresti domiciliari per Giovanni Brusca. Il mafioso da anni collaboratore di giustizia non ha infatti mai chiesto scusa alle sue vittime e neanche ai parenti delle persone che ha ucciso. Lo scrive il tribunale di sorveglianza di Roma, spiegando perché ha respinto la richiesta di detenzione domiciliare avanzata dai legali dell’ex capomafia di San Giuseppe Jato. Condannato per decine di omicidi e stragi, tra cui quelle di Capaci e Via D’Amelio, e per aver fatto rapire e uccidere il piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio di un pentito, Brusca venne arrestato a maggio del 1996. Due anni dopo comincia a collaborare con i magistrati.

Nelle sette pagine di motivazione del provvedimento di rigetto della richiesta di domiciliari, i giudici romani ripercorrono la “storia carceraria” di Brusca e danno atto dei permessi premio di cui gode dal 2003. Ricordano inoltre che, già nel 2017, l’ex boss aveva chiesto la detenzione a casa e che anche allora l’istanza fu respinta. I magistrati ammettono il percorso compiuto in carcere dall’ex padrino di San Giuseppe Jato, che ha mostrato la volontà di dimostrare il suo cambiamento, è in contatto con un’associazione antimafia e ha fatto volontariato, nei colloqui con la psicologa “si sofferma sui propri misfatti senza riluttanza e rigetta letture, giustificazioniste”, definisce Cosa nostra ‘lurida e schifosa e che ha dato un contributo determinante in numerosi processi”.

Tuttavia visto l’eccezionale spessore criminale, “il numero rilevantissimo di omicidi commessi“, per avere gli arresti domiciliari non basta un mero ravvedimento ma serve “un mutamento profondo e sensibile della personalità del soggetto tale da indurre un diverso modo di sentire e agire in armonia con i principi accolti dal consorzio civile. Non basta un rapporto collaborativo, che è piuttosto il presupposto della qualifica della collaborazione con la giustizia, nè è sufficiente un adattamento alle regole del carcere, ma sono richiesti comportamenti positivi e sintomatici che tendano a recuperare i valori morali dell’uomo”. Cose che in Brusca non sono state ravvisate. I giudici concludono ricordando che a proposito dei contatti dell’ex boss con le vittime della mafia “risulta solo l’incontro con Rita Borsellino, avvenuto su iniziativa di quest’ultima” e che non vi sia stata una richiesta di perdono nè a lei nè ai suoi familiari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Depistaggio via d’Amelio, Contrada: “Fu il procuratore capo di Caltanissetta a chiedere aiuto ai Servizi segreti”

next
Articolo Successivo

Strage via D’Amelio Fiammetta Borsellino: “Csm non ha fatto nulla. I topi stanno mangiando i faldoni sulle stragi”

next