Con l’attuale situazione d’instabilità nella capitale libica, l’Unhcr, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ieri ha ricollocato oltre 150 rifugiati dal Centro di detenzione di Ain Zara, nei quartieri sud di Tripoli, al Centro di raccolta e partenza dell’Unhcr, situato in un’area sicura nelle vicinanze. Negli ultimi giorni l’area circostante il Centro di detenzione di Ain Zara è stata teatro di scontri pesanti. Alcuni rifugiati hanno riferito all’organizzazione di avere paura e di temere per la propria incolumità a causa degli scontri in corso nella zona, nonché di avere ormai a disposizione quantità minime di scorte.

L’Unhcr è stato informato di situazioni simili che coinvolgono altri Centri di detenzione e attualmente sta esaminando quanto riferito. Il ricollocamento di rifugiati e migranti detenuti avvenuto ieri è il primo realizzato dall’Unhcr in seguito al recente inasprirsi degli scontri. L’organizzazione sta lavorando a stretto contatto con le autorità e coi propri partner per garantire che un numero ulteriore di persone vulnerabili sia ricollocato dai Centri di detenzione. Tra questi anche Qasr Bin Ghashir dove “sarebbero più di 500 le persone intrappolate nel centro vicino l’aeroporto di Tripoli, da almeno 4 giorni senza acqua e cibo” come ancora ieri denunciava il deputato di Sinistra Italiana – LeU, Erasmo Palazzotto e come denuncia su Facebook di Exodus – fuga dalla Libia. “Le milizie che controllavano il centro lo hanno abbandonato lasciando le persone in trappola nel mezzo dei combattimenti con le milizie di Haftar. Molte di quelle persone potrebbero trovarsi lì in ragione degli accordi Italia-Libia con cui abbiamo legittimato i respingimenti a Tripoli considerandolo un ‘porto sicuro’. Abbiamo il dovere morale di intervenire per evacuare al più presto queste persone, le testimonianze raccolte dall’interno del centro sono drammatiche. L’Italia garantisca l’evacuazione”.

“In Libia molti rifugiati e migranti sono soggetti a terribili depravazioni. Ora sono ancora più esposti a seri rischi e non deve essere tralasciato alcuno sforzo volto a trarre in salvo tutti i civili e a garantire loro un luogo più sicuro”, ha dichiarato Matthew Brook, Vice Capo Missione dell’Unhcr in Libia. Da quando sono scoppiati gli scontri nella capitale libica, oltre 3.400 cittadini sono stati costretti alla fuga e molti altri sono rimasti vittime del fuoco incrociato, impossibilitati a mettersi in salvo. L’Unhcr si unisce al resto degli attori umanitari per sollecitare il rispetto degli obblighi legali internazionali volti ad assicurare l’incolumità di tutti i civili e l’integrità delle infrastrutture, oltre che a garantire un accesso incondizionato, sicuro, duraturo e senza impedimenti degli aiuti umanitari alle aree colpite.
Nell’ambito della risposta d’emergenza alle violenze in atto, l’Unhcr ha inoltre predisposto la presenza di aiuti in aree chiave a Tripoli e a Misurata, rafforzando la capacità dei propri servizi di assistenza telefonica e assicurando la continuità dei programmi di protezione per rifugiati e sfollati interni negli insediamenti urbani. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ribadisce la propria posizione secondo cui le condizioni in Libia non sono sicure per i rifugiati e i migranti soccorsi o intercettati e che, pertanto, essi non devono esservi ricondotti.

 Foto da profilo Facebook Exodus – fuga dalla Libia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gommone alla deriva al largo della Libia. La richiesta di aiuto: “Se non arriviamo in Italia moriremo in mare”

prev
Articolo Successivo

Financial Times: “Microsoft complice di Pechino negli apparati di sorveglianza e censura”

next