Mediterranea ha diffuso l’audio della disperata supplica di uno dei naufraghi del gommone in avaria a largo della Libia. La chiamata è stata effettuata al numero di alarm phone. “Il mare vuol dire morte, la Libia vuol dire morte – scrive Mediterranea -. L’unica speranza di queste 20 persone, tra cui donne e bambini, è arrivare in Europa. Vorremmo essere là per salvarli”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, il ministero della Giustizia crea un team investigativo per indagare sulle origini dell’inchiesta Fbi sul Russiagate

next