Mediterranea ha diffuso l’audio della disperata supplica di uno dei naufraghi del gommone in avaria a largo della Libia. La chiamata è stata effettuata al numero di alarm phone. “Il mare vuol dire morte, la Libia vuol dire morte – scrive Mediterranea -. L’unica speranza di queste 20 persone, tra cui donne e bambini, è arrivare in Europa. Vorremmo essere là per salvarli”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, il ministero della Giustizia crea un team investigativo per indagare sulle origini dell’inchiesta Fbi sul Russiagate

prev
Articolo Successivo

Libia, l’allarme per i migranti nei centri di detenzione: “A Qasr Bin Ghashir ci sono 500 persone intrappolate”

next