“È partito tutto da un battibecco, una cosa insignificante. Lui non voleva fare il fotosegnalamento”. Inizia così il racconto sul pestaggio ai danni di Stefano Cucchi, la notte del 15 ottobre del 2009, fatto dal carabiniere che ha accusato i colleghiFrancesco Tedesco, imputato insieme Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro con l’accusa di omicidio preterintenzionale. “Di Bernardo gli ha dato prima uno schiaffo, poi lo hanno spinto a terra. Da lì i calci all’altezza dell’ano e in viso“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gratteri a Gomez: “Magistrato è lavoro più libero del mondo. Riforma codice penale? Non vedo rivoluzioni nel governo”

next
Articolo Successivo

Processo Cucchi, Tedesco: “Mandolini mi disse di seguire la linea dell’Arma se volevo continuare a fare il carabiniere”

next