Dopo le tensioni dei giorni scorsi a Torre Maura, oggi il quartiere romano è stato teatro di due manifestazioni contrapposte. Da un lato quella antifascista e antirazzista organizzata dall’Anpi assieme ad Arci, Libera, Cgil e Acli: circa 500 persone hanno sfilato poi in via Walter Tobagi dietro allo striscione “Non me sta bene che no”, la frase pronunciata da Simone, il 15 enne che si era contrapposto ai militanti di Casapound il giorno degli incidenti di fronte al centro di accoglienza che ha ospitato 70 rom. Dall’altro lato, poco distante, sono scesi in piazza i militanti neofascisti.
“Era una manifestazione necessaria – dice Marco, abitante di Torre Mauraperché sono stati giorni molto pesanti e in qualche modo ci voleva un antidoto. Quanti ‘Simone’ ci sono a Torre Maura? Tanti”.
“Le difficoltà che vivono le periferie non devono essere sturmentalizzate per scatenare guerre tra poveri – afferma Enrico Stefàno, presidente dell’Assemblea capitolina del Moviemnto 5 stelle – Siamo qui per ribadire che la dignità umana non va calpestata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, gli autori del libro: “Prescrizione? Dolo eventuale cruciale: accettazione del rischio morte fu cardine”

prev
Articolo Successivo

Migranti, De Falco (ex M5s) salirà a bordo della nave dell’ong Mediterranea: “Continuano partenze e morti in mare”

next