Dopo le proteste violente, i residenti di Torre Maura, quartiere della periferia est della Capitale, continuano a presidiare la strada di fronte al centro di accoglienza, di proprietà del Comune, dove ieri sono state trasferite alcune famiglie rom, in tutto circa una settantina di persone. Roma Capitale ha promesso di spostarli altrove ma la gente non si muove, “finché non se ne vanno tutti non ce ne andiamo da qua”, assicura un residente. La struttura prima ospitava richiedenti asilo e rifugiati politici e molti spiegano che non hanno avuto alcun problema con gli immigrati. I rom però no “perché sono tutti ladri”, spiega una signora, “non vogliono integrarsi e non si integreranno mai”, rimarca un altro. La soluzione proposta da più persone è la costruzione di nuovi campi rom lontani dalla città. Nessun passo indietro neanche sulle proteste di ieri, con macchine e cassonetti dati alle fiamme e il cibo per gli uomini, le donne e i bambini ospitati nel centro, buttati a terra e calpestati dai residenti infuriati. “Gli hanno acceso perfino i termosifoni”, aggiunge un signore

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, procura indaga su rivolta contro i rom a Torre Maura: ‘Aggravante razziale’. La rete dell’ultradestra nel quartiere

next
Articolo Successivo

Salò vuole togliere la cittadinanza onoraria a Mussolini. Ma i giovani dovrebbero frequentare quei luoghi – Replica

next