Dopo le proteste violente, i residenti di Torre Maura, quartiere della periferia est della Capitale, continuano a presidiare la strada di fronte al centro di accoglienza, di proprietà del Comune, dove ieri sono state trasferite alcune famiglie rom, in tutto circa una settantina di persone. Roma Capitale ha promesso di spostarli altrove ma la gente non si muove, “finché non se ne vanno tutti non ce ne andiamo da qua”, assicura un residente. La struttura prima ospitava richiedenti asilo e rifugiati politici e molti spiegano che non hanno avuto alcun problema con gli immigrati. I rom però no “perché sono tutti ladri”, spiega una signora, “non vogliono integrarsi e non si integreranno mai”, rimarca un altro. La soluzione proposta da più persone è la costruzione di nuovi campi rom lontani dalla città. Nessun passo indietro neanche sulle proteste di ieri, con macchine e cassonetti dati alle fiamme e il cibo per gli uomini, le donne e i bambini ospitati nel centro, buttati a terra e calpestati dai residenti infuriati. “Gli hanno acceso perfino i termosifoni”, aggiunge un signore

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, procura indaga su rivolta contro i rom a Torre Maura: ‘Aggravante razziale’. La rete dell’ultradestra nel quartiere

prev
Articolo Successivo

Salò vuole togliere la cittadinanza onoraria a Mussolini. Ma i giovani dovrebbero frequentare quei luoghi – Replica

next