Niente scuse, al di là della riabilitazione della Cassazione per Mimmo Lucano. Nessun passo indietro da parte di Matteo Salvini, nonostante la Corte avesse chiarito come, dagli appalti per i rifiuti, ai matrimoni di comodo, non ci fossero indizi di frodi o ruberie. Eppure, dopo averlo attaccato nei mesi scorsi, ora Salvini taglia corto:”Non commento i giudici”, spiega a margine di un incontro a Confcooperative. E ancora: “Chieder scusa? Mi sembra che irregolarità ne siano state segnalate a decine”, ribatte il ministro dell’Interno. Eppure, di fronte a quanto evidenziato dalla Cassazione, che invece demolisce l’impianto accusatorio, Salvini si limita a replicare: “Va bene, evviva”. Per poi insistere: “Pensare di sviluppare paesi in Sicilia o Calabria con l’immigrazione di massa non è il modello da imitare”. E sull’attacco dello stesso Lucano, che ha rivendicato di non aver avuto paura del processo, al contrario dello stesso leader della Lega sul caso Diciotti, Salvini ha replicato: “Per me ha scelto il Senato, anche perché ne avrò altri di processi da fare, se avessi paura non farei il ministro dell’Interno”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il contratto di governo è solo un alibi. E ha gettato l’Italia nell’immobilismo

prev
Articolo Successivo

Governo, Bersani: “Qui i conti non tornano, sono tutti in giro e in bottega non c’è nessuno. C’è solo Tria”

next