La scorsa settimana opposizioni e maggioranza, alla Camera, non avevano trovato l’accordo sull’emendamento proposto da Laura Boldrini che introduceva, all’interno del ddl codice rosso, il reato per il revenge porn. Così, poco prima dell’intesa, oggi, su un emendamento del M5s che ha messo d’accordo tutti i gruppi parlamentari e che è stato votato all’unanimità, i partiti di minoranza hanno attaccato il Movimento 5 stelle per la narrazione distorta (a loro dire) dopo la scorsa seduta. Da Mariastella Gelmini a Boldrini a Beatrice Lorenzin, le deputate hanno denunciato la presenza, sui social, di offese sessiste non rimosse nei post del M5s. Simone Baldelli, di Forza Italia, ha letto alcuni di questi insulti e poi si è infuriato: “Vi dovete vergognare, siamo stufi di questo odio”. I commenti in questione sono comparsi sulle pagine ufficiali dei politici pentastellati secondo cui le opposizioni, la scorsa settimana, avrebbe bloccato il codice rosso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Boccia: “Europa rilanci mercato più grande del mondo. Salvini ci chiede proposte? Gliele ho mandate anche per whatsapp”

prev
Articolo Successivo

M5s, Pellegrini: “Ocse? Previsioni sbagliate con argomentazioni ideologiche e non basate su dati scientifici”

next