La scorsa settimana opposizioni e maggioranza, alla Camera, non avevano trovato l’accordo sull’emendamento proposto da Laura Boldrini che introduceva, all’interno del ddl codice rosso, il reato per il revenge porn. Così, poco prima dell’intesa, oggi, su un emendamento del M5s che ha messo d’accordo tutti i gruppi parlamentari e che è stato votato all’unanimità, i partiti di minoranza hanno attaccato il Movimento 5 stelle per la narrazione distorta (a loro dire) dopo la scorsa seduta. Da Mariastella Gelmini a Boldrini a Beatrice Lorenzin, le deputate hanno denunciato la presenza, sui social, di offese sessiste non rimosse nei post del M5s. Simone Baldelli, di Forza Italia, ha letto alcuni di questi insulti e poi si è infuriato: “Vi dovete vergognare, siamo stufi di questo odio”. I commenti in questione sono comparsi sulle pagine ufficiali dei politici pentastellati secondo cui le opposizioni, la scorsa settimana, avrebbe bloccato il codice rosso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Boccia: “Europa rilanci mercato più grande del mondo. Salvini ci chiede proposte? Gliele ho mandate anche per whatsapp”

next