Due ore circa di vertice tra il neo segretario del Partito democratico e i vertici di Cgil, Cisl e Uil. “Un primo confronto”, così come lo hanno definito le due partii, ma con un nodo rimasto, quello del salario minimo, che già divide pure sindacati e M5s. I sindacalisti hanno parlato di “un buon clima”, senza però nascondere le divergenze. Per Maurizio Landini “c’è una volontà a discutere diversa rispetto al passato, ma valuteremo nel merito. Noi, oltre ad ascoltare le proposte del PD abbiamo ribadito le nostre richieste e la necessità di rimettere al centro il lavoro e rilanciare gli investimenti”. Ma sul salario minimo, ha continuato Landini, “abbiamo ribadito che se i contratti di lavoro diventano legge si applicano a tutti, perché il tema non è solo la paga oraria ma tutti i diritti”. Rispetto alle proposte in campo sul salario minimo, tra M5s e Pd, Landini taglia corto: “Noi preferiamo quella di Cgil Cisl e Uil”, mentre per Carmelo Barbagallo (Uil) “al momento” è preferibile “quella del M5s”. Zingaretti ha infine attaccato il governo sul fronte della crescita: “C’è un Paese fermo, ma l’esecutivo fa finta di non accorgersene“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Pellegrini: “Ocse? Previsioni sbagliate con argomentazioni ideologiche e non basate su dati scientifici”

next
Articolo Successivo

Rito abbreviato, Senato approva. Riforma è legge: sarà inapplicabile se reati gravi. Bonafede: “Con noi chi sbaglia paga”

next