Grande dev’essere stata la sorpresa dell’opinione pubblica italiana nell’apprendere che la Turchia non è un sultanato, come invece scrivono, proclamano, danno per assodato da anni i media italiani. Nei sultanati non si vota, e quando per qualche ragione i sudditi sono chiamati a ratificare le decisioni del sultano, il sistema ha i mezzi per assicurarsi che obbediscano. Invece in Turchia si è votato e il presunto sultano Erdogan ha perso malamente grandi città.

Ovviamente una democrazia parlamentare non è necessariamente uno Stato di diritto liberale, come insegna, per esempio, l’Ungheria di Viktor Orban. Ma finché reggono, ancorché malmesse, le istituzioni che proteggono un certo grado di libertà, a cominciare dalla magistratura, è possibile che l’Uomo forte sia mandato a casa e la democrazia ripulita dei tratti autoritari che quello ha introdotto.

Con questa possibilità l’Europa che conta oggi dovrebbe misurarsi per recuperare la Turchia al continente e per sottrarla al nazionalismo islamico cavalcato dal presidente e dal suo Akp (peraltro un’ala del partito non segue Erdogan su questa china). O quantomeno per evitare che un Erdogan meno saldo di quanto fosse prima, e in prospettiva sempre più logorato da una grave crisi economica, cerchi di recuperare gloria e lustro con qualche azione avventata in uno dei tanti scacchieri nei quali Ankara è impelagata, a cominciare dalla Siria settentrionale e dalla guerra d’attrito con le milizie curde.

Purtroppo si tratta di settori geopolitici nei quali l’Europa nel suo complesso è inerte o assente, malgrado siano in gioco suoi interessi strategici.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Slovenia, marcia paramilitare nei boschi. Condannato ex candidato nazionalista alle presidenziali: “L’ha ispirata lui”

next