Attenzione: c’è qualcuno che ha sostituito la cavallina del proprio stemma con un QR Code. Una svolta verso la digitalizzazione estrema e “lo stravolgimento di noi stessi”, è stato dichiarato. O ancora, c’è chi ha presentato sul mercato i primi pneumatici colorati per riempire l’asfalto grigio delle città dei colori dell’arcobaleno. E che dire del Road Fix Spray, che promette di ricoprire le buche dell’asfalto semplicemente applicando il prodotto sulle gomme della propria auto. Questa, in particolare, potrebbe essere la svolta del secolo, invece è il pesce d’aprile dell’anno.

Oggi, infatti, tante case automobilistiche (e non solo) si sono divertite con scherzi e annunci shock sulle loro pagine social, come proprio MG Motor, con i suoi pneumatici arcobaleno, Renault con lo spray per le buche e Porsche, che su Facebook e Instagram ha annunciato il QR Code al posto della storica “Porsche Crest” introdotta per la prima volta nel 1952. Tra gli appassionati al marchio e iscritti alla pagina, qualcuno ha subito colto l’ironia del post, qualcun altro ha espressamente chiesto di non scherzare su certe cose.

 

 

 

 

 

 

 

 

E pare che i costruttori tedeschi abbiano preso seriamente la missione del pesce d’aprile. Mercedes-Benz, infatti, ha proposto un car sharing insolito, per chi è stanco dell’andirivieni, ogni week-end, dal negozio di arredamenti: “truck2go” permette di noleggiare direttamente un Actros, e il gioco è fatto.

Dai mezzi pesanti in condivisione al campeggio di lusso con Lamborghini, che fa ogni cosa “con stile”, come riporta anche la didascalia alla foto di una supercar che rimorchia una lussureggiante roulotte dorata in tinta con l’auto, come potete vedere qui sotto.

Dacia ha puntato tutto sulla tecnologia e, forse scherzando sulle ultime innovazioni che consentono il controllo dell’infotainment e di altre funzioni (come apertura e accensione del motore) possibili anche da remoto, con lo smartphone, ha lanciato l’app “Duster Drive” per guidare l’auto comodamente da casa, come fosse una macchinina telecomandata.

Toyota invece ha proposto la Water Cruiser, per andare off-road e anche off-shore mentre Kia offre una soluzione, diciamo pure tanto semplice quanto geniale, per impedire ai vigili di lasciare le multe: dei tergicristalli che all’occorrenza – magari dopo una sosta selvaggia – si staccano, si ripiegano e si portano via.

Non sfugge alle simpatiche bufale da pesce d’aprile il tema della mobilità elettrica: Land Rover, infatti, ha annunciato l’inaugurazione di una colonnina di ricarica remota sull’isola di Skye (nella foto d’apertura), bellissima, incontaminata e soprattutto, estrema propaggine della ScoziaFiat poi scherza con i clienti britannici e mette in vendita, solo per oggi, una Panda ispirata alla serie televisiva Inbetweeners: motore 900 cc da 38 Cv, come quello montato sulla Cinquecento di uno dei protagonisti, abitacolo dotato di lettore di VHS e infine una delle portiere con colore diverso.

Non si risparmiano in burle, infine, neanche i profili social di aziende come Europcar, che promette di far noleggiare il veicolo con la targa personalizzata dalle emoticon preferite.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicurezza stradale, ecco le ricette Volvo. Dai 180 orari di velocità massima ai crash test su manichini “donna”

prev
Articolo Successivo

Carlos Ghosn, nuovo arresto a Tokyo per l’ex capo di Renault-Nissan

next