Edwin Haderman, abitante della California malato di cancro “in seguito all’esposizione al diserbante Roundup“, riceverà 80 milioni di dollari da Bayer-Monsanto in risarcimento. La decisione della giuria di San Francisco non è inaspettata: alla fine della prima fase del processo, il 19 marzo scorso, i giurati aveva raggiunto la conclusione che Roundup – il cui principio attivo è il glifosato -era la causa della malattia di Hardeman. L’ammontare del risarcimento è molto simile a quello ricevuto da Dewayne Johson, ex guardiano di un parco che nello scorso ottobre ne aveva ottenuto uno pari  a 78,5 milioni in appello sempre da una giuria di San Francisco.

Jennifer Moore, avvocato di Hardeman, nell’arringa finale del dibattimento aveva messo in evidenza che “una società responsabile dovrebbe testare i suoi prodotti e dire ai consumatori di essere consapevole che possono causare il cancro. Monsanto non lo ha fatto”. La replica dell’azienda, affidata al legale Brian Stekloff, ha sottolineato che l’accusa stava chiedendo alla giuria di credere al fatto che i dipendenti della società avrebbero instaurato una “cospirazione per causare il cancro“. Bayer-Monsanto ha inoltre replicato di aver agito in modo “ragionevole” sulla base delle prove scientifiche.

Il diserbante Roundup è stato lanciato nel 1976 e contiene glifosato, una sostanza molto discussa in Europa e negli Usa. Il prodotto è stato creato da Monsanto, acquistata nel giugno 2018 da Bayer. Il colosso tedesco ha così ereditato anche i problemi giudiziari dell’azienda fondata nel 1901 in Missouri. Infatti, come riporta Il Sole 24 ore, ora Bayer dovrà affrontare le cause legali lanciate da oltre 11.200 persone che hanno usato Roundup.Il prossimo processo inizierà ad Oakland (sempre in California) per la causa promossa da una coppia di settantenni, Alva Alberta Pilliod. Ci saranno altri cinque dibattimenti solamente nel 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pesticidi, la frutta e la verdura che mangiamo sono sane? Uno studio lo rivela (e dà un vincitore)

prev
Articolo Successivo

Parlamento Ue vieta dal 2021 la plastica monouso. Costa: “Ci attiviamo per il recepimento della direttiva”

next